Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Sparla con me

One man show del comico spezzino
(ph. Ufficio stampa Anà-thema teatro)
Gemona del Friuli
via XXII Novembre 3
Teatro della Corte di Osoppo
11/03/17
20.45

Dopo i successi televisivi di “Parla con Me” con Serena Dandini, l'irriverente comico spezino ritorna in scena con un one-man show: presenta al pubblico i momenti più esilaranti dei suoi tanti incontri per raccontare di sé e delle donne e di tanti altri aspetti della vita, in un gioco teatrale e musicale all'insegna del divertimento e della spensieratezza.

Lo spettacolo mette insieme critica e pubblico con la sua lingua tagliente. Il comico di La Spezia (città dove a suo dire "l'unico locale aperto di notte è il bancomat") discuterà di tutti gli aspetti della vita, ma più di tutto... dei rapporti con l'altro sesso, tanto agognati quanto poco vissuti. Lo chiarisce definendosi come un tronista incompreso, un macho tutto fumo niente arrosto circondato da icone da calendario come vivesse nell'officina di un meccanico. L’inesauribile sconcerto del doversi misurare con le ragazze Calendario, con i VIP, con i Calciatori e i Tronisti e dover prendere le misure della propria vita dalle risposte di chi non è nemmeno parte del nostro universo biologico - logico - molecolare. Ma più di tutto viene messo in scena l’esilarante sconcerto di chi si rende conto che solo una risata li seppellirà, che solo una risata potrà seppellire la vacuità, il silicone e il sorriso a 32 denti.

Ed è percorrendo a ritroso la strada segnata da questi incontri che Vergassola ricorda il calore degli amici del bar, delle non semplici relazioni familiari con l’imperversante ed impenitente suocera, dell’intensa movida davanti all’unico bancomat di La Spezia, dei suoi ricordi di bambino quando sognava di poter divenire un moderno Robin Hood, di quando gli fu regalato il vestito da Zorro, in occasione del suo ventiseiesimo compleanno.