Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Sorry, boys

Dialoghi su un patto segreto per 12 teste mozze
(© Dido Fontana)
Monfalcone
corso del Popolo 20
Teatro Comunale
10/01 e fino al 11/01
20.45

Terza tappa del “progetto sulle Resistenze femminili” di Marta Cuscunà, Sorry, boys parte dalla storia delle 18 ragazze di Gloucester (Massachusetts) che avrebbero segretamente pianificato la loro gravidanza per allevare i bambini in una specie di comune femminile, storia che scatenò una vera e propria tempesta mediatica. Ma questo è soltanto il punto di partenza. Gloucester è anche la cittadina dove i casi di violenza maschile in famiglia raggiungono numeri impressionanti. E dove 500 uomini hanno marciato nelle strade per sensibilizzare la comunità al problema. Nelle interviste analizzate dalla Cuscunà per costruire il percorso drammaturgico dello spettacolo, molti di questi uomini dicono di aver sentito il bisogno di mobilitarsi in prima persona, consapevoli del fatto che la violenza maschile è un problema delle donne che la subiscono ma che soltanto gli uomini possono davvero risolverlo, modificando la cultura maschile dominante che causa queste tragedie.

A percorrere Sorry, boys, quindi, è l’idea che lo sconvolgente patto delle ragazze e la marcia degli uomini siano in qualche modo collegati, e che tutto questo abbia a che fare con il modello di mascolinità che la società impone agli uomini. 
Scrive Marta Cuscunà: “The Gloucester 18 è un documentario in cui si dà voce ad alcune di quelle ragazze, lontano dai riflettori dello scandalo. [...] Una di loro confessa di aver voluto creare un piccolo mondo nuovo e una nuova famiglia tutta sua, dopo aver assistito a un terribile femminicidio. Questa scoperta è stata per me come un campanello d'allarme”.

Nel nero della scena, due schiere di teste mozze, appese, tutte straordinariamente animate da Marta Cuscunà (il progetto e la realizzazione sono di Paola Villani). Da una parte gli adulti protagonisti di questa storia, dall’altra gli adolescenti. Sono appesi come trofei di caccia, inchiodati da una vicenda che li ha trovati impreparati. Potranno sforzarsi di capire le ragioni di un patto di maternità fra adolescenti ma resteranno sempre con le spalle al muro.