Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Sleeping Beauty on Ice

(ph. imperialicestars.com)
Trieste
Politeama Rossetti, Largo Gaber
02/03 e fino al 06/03
20.30 (5/3 anche ore 16; 6/3 ore 16)

Com’è nella cifra della compagnia diretta dal pluripremiato coreografo Tony Mercer, lo spettacolo ricalca filologicamente il balletto sulla musica di Pëtr Il’ič Čajkovskij e “traduce” la danza sulle punte in meravigliosi passi sul ghiaccio, mai superflui nell’acrobazia, sempre coerenti al plot, capaci però di meravigliare il pubblico per la loro difficoltà, per la esemplare tecnica dei pattinatori, per la loro capacità interpretativa e per la sontuosità di tutto l’impianto scenico.
Tony Mercer ripropone i grandi classici della danza in modo sofisticato: fondali di grande effetto, costumi preziosi con moltissimi cambi, momenti sorprendenti che lasciano il pubblico senza fiato (la rabbia della perfida strega Carabosse, ad esempio, esplode in scena in una pioggia di lingue di fuoco che incendiano addirittura il ghiaccio). Una cornice ricchissima, che però nulla toglie alla raffinatezza della danza e alle emozioni, anche intime e delicate, che trasmettono i ballerini attraverso combinazioni di salti e arditi volteggi estremamente complessi e resi ancor più difficili dallo spazio, minore di quello che gli atleti solitamente hanno a disposizione in gara. Non a caso Mercer ha scelto per il proprio ensemble 24 talenti assoluti del pattinaggio, di livello olimpico: sommati assieme, i suoi pattinatori contano oltre 250 medaglie! Il cast di Sleeping Beauty on Ice è composto da 18 di questi atleti, che faranno vibrare d’emozione il pubblico di ogni età. La favola cui daranno vita, è fra le più amate di tutti i tempi e si ambienta alla corte di re Floristano, appena divenuto padre della piccola principessa Aurora. Alla festa di battesimo vengono invitati tutti i notabili del regno, dame, cavalieri e le fate buone, ma non la strega Carabosse che piomba nel salone del castello traducendo la sua ira in una maledizione: compiuti i 16 anni, Aurora si pungerà con un fuso e morirà. La buona Fata dei Lillà modifica la maledizione e promette che la principessa non troverà la morte ma un lungo sonno e potrà essere risvegliata dal bacio di un principe. Per conoscere il seguito della storia e come – fra audaci acrobazie sul ghiaccio e graziosi passi di danza – il principe Désiré riuscirà a trovare Aurora, bisognerà seguire la splendida serata sul ghiaccio, fino al gran finale, quando per festeggiare la coppia arriveranno al ballo di corte – in un celeberrimo brano del repertorio classico – i più amati personaggi delle fiabe.