Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Ripensare al welfare. Ripensare il welfare

A Pordenone le strategie di lotta alle nuove povertà
Pordenone
via Concordia 7
Casa Zanussi
05/04/18
15.30

In Friuli Venezia Giulia sono circa 20 mila le famiglie potenzialmente beneficiarie della misura di sostegno al reddito: una su cinque, infatti, non supera il tetto dei 6 mila euro stando all’analisi delle Dichiarazioni sostitutive uniche (Dsu) elaborate e verificate nell’anno 2016 dai Caaf della Cgil del Friuli Venezia Giulia (dati Ires Fvg 2017). E sono oltre 18 milioni, secondo i dati Istat, gli italiani a rischio povertà ed esclusione sociale: molti di questi possiedono attualmente un’occupazione. Squilibri, diseguaglianze socio-economiche e nuove povertà sono oltre la soglia di emergenza: se l’Italia non transiterà rapidamente verso un modello di sviluppo sostenibile sul piano economico, sociale e ambientale, resterà lontana dagli Obiettivi di sviluppo in scadenza da qui al 2020 e al 2030 secondo l’Agenda ONU sottoscritta anche dal nostro Paese nel 2015.

Quali ricette e soprattutto quali riforme di sistema potrebbero invertire la rotta di questo “Titanic” sociale? Certamente si pone l’urgenza di «Ripensare “al” welfare”», così come di «“Ripensare “il” welfare». Diseguaglianze, nuove povertà e riforme sono al centro dell’appuntamento conclusivo della 34^ edizione degli Incontri di Cultura Economica promossi a Pordenone dall’IRSE-Istituto Regionale di Studi Europei di Pordenone. Giovedì 5 aprile alle 15.30 nell’Auditorium del Centro Culturale Casa Zanussi di Pordenone ne parlerà Valeria Filì, professoressa ordinaria di diritto del lavoro e della previdenza sociale, nell’ambito dell’incontro introdotto dal giornalista Giuseppe Ragogna.

Nuovi lavori, impresa 4.0, sostenibilità del Welfare, “basic income” ovvero reddito minimo di cittadinanza, natalità e occupazione in picchiata saranno i temi su cui ci si confronterà per l’occasione. L’attività di ricerca di Valeria Fili, di carattere giuridico, è rivolta all’analisi di tematiche concernenti il diritto del lavoro, il diritto del mercato del lavoro, il diritto della previdenza e assistenza sociale, le relazioni sindacali, le pari opportunità e il diritto antidiscriminatorio. È autrice di due monografie e un centinaio di saggi e articoli. L’ingresso è aperto alla città, con dibattito conclusivo.