Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Regio Sommergibile Jalea

Una ricostruzione inedita e riccamente documentata di una delle tragiche vicende della Grande Guerra
Udine
Salone della Provincia, piazza Patriarcato 3
11/10/16
17

Martedì 11 ottobre, alle 17, nel salone della Provincia, in piazza Patriarcato 3, a Udine, la casa editrice “L’Orto della cultura”, in collaborazione con il club Unesco e l’amministrazione provinciale, organizza la presentazione del saggio storico “Regio Sommergibile Jalea: vento del ricordo”, di Gustavo Caizzi, edito da “L’Orto della Cultura” di Pasian di Prato, collana L'Orto diacronico. Storie di Storia. L’evento è stato inserito nell’ambito del progetto “Voci di guerra in tempo di pace, tra fronte e follia. Dall’Isonzo al Tagliamento”.

Interverrà l’assessore provinciale Francesca Musto. A dialogare con l’autore sarà Massimo Romita, presidente del Gruppo Ermada Flavio Vidonis. «Il mio impegno – spiega l’autore – è stato quello di ricostruire la vicenda del sommergibile Jalea sullo sfondo della travagliata e spesso poco nota storia della nostra Italia. A fronte degli eventi tragici che, nella prima metà del secolo scorso, interessarono direttamente il Carso, il Golfo di Trieste, Grado e Monfalcone, nasce il profondo convincimento che la salvaguardia del passato storico, con i valori etici e sociali che ne derivano, possa essere strumento di forza, saggezza e lungimiranza nel considerare il presente e il futuro della nostra società».

Il saggio è accompagnato da un dvd realizzato in occasione del “Raduno Nazionale Sommergibilisti Italiani”, che si è svolto a Monfalcone nel 2011 ed è stato prodotto dall’autore in collaborazione con lo storico Lucio Fabi, il comandante della Marina Militare Italiana Alessandro Turrini, l’Associazione Nazionale Marinai d’Italia Monfalcone, il Lions Club e il Propeller Club di Monfalcone. Il filmato, presentato il 13 marzo 2011 durante una cerimonia ufficiale svoltasi al Sacrario di Redipuglia, si basa su documenti originali e sequenze video del recupero, in possesso dell’autore e tratti in buona parte dall’archivio del comandante Elvino Meriggioli, uno dei tanti protagonisti del saggio. La copertina del libro è stata realizzata dalla pittrice goriziana Marina Legovini.