Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Quanti animali nella “Commedia” di Dante

A Gorizia viaggio illustrato nell'Inferno dantesco
La selva oscura - Illustrazione di Francesco Carbone
Gorizia

Palazzo Coronini
12/11/21
17.30

Quanti animali nella “Commedia” di Dante” è il titolo dell’incontro che si svolgerà venerdì 12 novembre alle 17.30 nella sala conferenze di Palazzo Coronini Cronberg, con accesso da via Coronini 1. L’iniziativa è organizzata in collaborazione con la Società Dante Alighieri - Comitato di Gorizia nell’ambito del settimo centenario della morte del sommo poeta. L’ingresso sarà libero fino a esaurimento dei posti. L’accesso sarà consentito solo con Green Pass e mascherina.

Nel corso dell’incontro Francesco Carbone, saggista, commediografo, nonchè artista e autore di “Pictura Dantis”, un viaggio illustrato nell'Inferno dantesco, evidenzierà come molti siano gli animali, reali e fantastici, presenti nella "Commedia" di Dante. Animali che assumono sempre di un significato complesso: non sono mai solo se stessi, ma sono soprattutto emblemi, simboli di messaggi morali e religiosi. Fedele alla tradizione dei bestiari medievali, l'animale per Dante è sempre un segno, portatore di un presagio, di un messaggio, di una condanna, di una profezia.

Allo stesso tempo, Dante mostra una straordinaria capacità di osservazione. E continuamente nella “Commedia” gli animali servono anche, nelle metafore e nelle similitudini, a descrivere noi uomini. Per non dire di cosa è capace di scrivere quando racconta di uomini che diventano animali nei canti dedicati ai ladri: dannati trasformati in serpenti, serpenti che si trasformano in uomini.

La conferenza è collegata alla mostra attualmente allestita a Palazzo Coronini: “Gli animali della nobiltà. Dalla caccia al salotto tra status symbol, allegoria e affetti”. Curata da Cristina Bragaglia Venuti, l’esposizione intende ricostruire con una carrellata di oltre 200 opere, tra dipinti, stampe, argenti, vetri, gioielli, armi e fornimenti equestri, disposti nelle Scuderie e nel Palazzo, il ruolo affettivo, simbolico e sociale che cani, cavalli e specie esotiche come scimmie e pappagalli svolgevano nella vita quotidiana delle classi più elevate. La mostra sarà visitabile fino al 9 gennaio 2022, da mercoledì a venerdì dalle 10 alle 14 e sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18. Per informazioni e prenotazioni scrivere a info@coronini.it o telefonare allo 0481/533485.