Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Playing for Change Day

(ph. Ufficio stampa F. Marchesich)
Trieste
Teatro Miela, piazza Duca degli Abruzzi
30/09/16
20.30

12 scuole e programmi musicali in Bangladesh, Brasile, Ghana, Mali, Nepal, Ruanda, Sud Africa e Thailandia, più di 1.000 giovani frequentano lezioni gratuite di danza, strumenti, linguaggi e teoria musicale, il tutto tenuto da insegnanti locali qualificati. Inoltre, progetti che aiutano anche a soddisfare le esigenze essenziali dell'intera comunità per poter garantire la fornitura essenziale di cibo, acqua potabile, medicine, vestiti, libri, materiale scolastico, energia solare, computer e altre tecnologie moderne. A tutto questo contribuisce il Playing for Change Day, “Global Day of Music for a Cause”, ovvero una giornata di Musica Globale dedicata alla Fondazione Playing for Change e alle sue attività a favore dell’infanzia attraverso la musica.

Da un paio d’anni anche Trieste partecipa a questa grande missione: la Fondazione Playing for Change, in collaborazione con l'associazione culturale Kabadoo, organizza presso il Teatro Miela Bonawentura di Trieste, il giorno venerdì 30 settembre, il concerto di beneficenza Playing for Change Day 2016, un’iniziativa che porta a Trieste un melting pot di genti, culture, musica, storia e tradizioni. Come già accaduto nel 2015, vorremmo creare un momento di incontro tra vari musicisti ed artisti che credono che la musica sia un veicolo di emozioni ed un elemento fondamentale nella vita dei bambini, soprattutto in quelli che soffrono. Lo scopo principale della Fondazione è quello di costruire e sostenere scuole e programmi musicali, il concerto di Trieste vuole in particolare sostenere un progetto di musicoterapia, promosso dall'Associazione Azzurra, quale strumento di comunicazione non-verbale a livello educativo e riabilitativo a favore dei bambini che necessitano di un supporto terapeutico.

Anche quest’anno supportano il progetto alcuni importanti amici ovvero la Scuola Di Musica Della Civica Orchestra Di Fiati “G. Verdi” - Citta' Di Trieste che ha al suo attivo più di 90 anni di concerti e concorsi dell’orchestra e 30 anni di attività della scuola nel campo dell’insegnamento e che per Playing for Change Day propone un mini-corso di conoscenza degli strumenti musicali che si terrà prima del concerto e vedrà coinvolti i bambini ed i loro genitori (età dai 3 agli 8 anni); L’Accademia di Fumetto, aperta dal 2005 per bambini e ragazzi provenienti da qualsiasi luogo e di diverse età, per Playing for Change l'Accademia organizzerà il 2° Workshop gratuito per ragazzi dai 10 ai 13 anni. Il corso si terrà nella sede dell'Accademia di Fumetto di Trieste dove i maestri dell'Accademia spiegheranno ai ragazzi il progetto “Playing for Change” attraverso l'arte del fumetto.

Mentre gli artisti coinvolti alla serata del 30 settembre presso il Teatro Miela Bonawentura di Trieste saranno: FRANCO “TORO” TRISCIUZZI & MANLIO MILAZZI, due tra i più solidi performer della scena triestina che portano in giro uno show di blues, folk e rock'n'roll che fa emozionare e fa ballare il pubblico; LEONARDO ZANNIER, attore, cantante professionista da più di vent'anni, amante dello swing, in bilico fra teatro e musica, ora dedito al teatro musicale e nel 2016 presentatore di due format speciali su Foxlife; KEEP OUT, al secolo Maurizio “Icio” Sterni, Luisa Lo Presti, Luca Lucchesi, William Millo e Domenico Mimmo Tucci, band di recente formazione con musicisti di solida esperienza propone un repertorio a 360° di pezzi cover filtrati dalla ricerca di nuove sonorità e di diverse soluzioni negli arrangiamenti.

Gli ospiti speciali della serata saranno infine il talentuoso percussionista camerunese HENRI DISSAKE già sul palco di importanti festival come “Jazz Under the Mango Tree”, “ Ya Jazz Festival”, “Jazz à St. Louis” e il  SOUL CIRCUS GOSPEL CHOIR poliedrico ensemble vocale costituitosi a Ronchi dei Legionari nel 2002, diretto dal carismatico  Massimo Devitor, con l’intento di celebrare la musica gospel classica, lo spiritual, la musica tradizionale africana e non solo.