Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Le quattro stagioni

Estate e autunno diventano due quadri coreografati
(ph. ertfvg)
Codroipo
via XXIX Ottobre
Teatro De Cecco
28/03/18
20.45

Sul palco, a danzare sulle musiche di Vivaldi riscritte da Max Richter, saliranno Luisa Amprimo, Marta Bevilacqua, Luca Campanella, Roberto Cocconi, Angelica Margherita, Daniele Palmeri, Marco Pericoli, Andrea Rizzo, Valentina Saggin, Anna Savanelli e Luca Zampar.
L’estate – coreografata da Marta Bevilacqua – è il femminile, è l’attaccamento alla realtà sensuale del mondo. La tempesta, così sceglie di aprire Vivaldi, crea un incantevole disordine. Cinque donne si fanno attraversare da un forte vento d’estate e cercano complicità e solitudine. L’autunno, nella visione di Roberto Cocconi, è tempo di transizione, tempo in cui rivolgersi all’interno. Le gioie dell’amore primaverile, la ricchezza vitale e feconda dell’estate lasciano posto all’indugio introspettivo; tra gli esseri viventi vi è una tendenza a reclinare su se stessi, in un malinconico declino verso la madre terra. E così uno sparuto gruppetto di uomini tergiversa sui suoi passi, attardando il più possibile ogni piccola decisione, ponderando che la separazione tra gli opposti prima o poi si assottiglierà fino a scomparire.

Arearea è diretta da Roberto Cocconi e da Marta Bevilacqua. Il nucleo artistico stabile della Compagnia è composto da Luca Zampar, Valentina Saggin e Anna Savanelli. Dal 2007 la Compagnia è sostenuta dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.