Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Le quattro stagioni

A Cervignano musica e danza dall'estate all'autunno
(ph. Arearea)
Cervignano del Friuli

29/11/17
21
Cervignano del Friuli
piazza Indipendenza 34
Cervignano del Friuli

In scena dieci danzatori impegnati nei quadri dedicati a due stagioni: l’Estate e l’Autunno, sulle note della riscrittura contemporanea del capolavoro di Vivaldi  del compositore tedesco Max Richter.  Stanco infatti di ascoltarla “banalizzata” in jingle per suonerie telefoniche e musica di sottofondo nei supermercati, Richter ha riscritto le Quattro stagioni facendo convivere ambient music ed elettronica per una nuova sorprendente versione del più popolare concerto della storia della musica.

I coreografi di Arearea Marta Bevilacqua e Roberto Cocconi rielaborano nella loro ultima creazione -  già presentata con enorme successo in forma itinerante a Mittelfest 2016 - la sfida del “compositore di protesta” e fanno vibrare ora, nei due quadri intitolati Quattro Stagioni_From Summer to Autumn un linguaggio corporeo contemporaneo e raffinato, fra freschezza e nostalgia, sorrisi e cadute, in una creazione che è sempre e comunque un elogio alla vita.

L’Estate è il femminile, e allora è un ensemble tutto al femminile di danzatrici a incarnare il nostro attaccamento alla realtà sensuale del mondo.

Ci faranno assaporare la quiete dopo una tempesta. La tempesta, perché è così che sceglie di aprire il suo capolavoro immortale Vivaldi, e per farlo, crea un incantevole disordine. Le danzatrici Luisa Amprimo, Marta Bevilacqua, Angelica Margherita, Valentina Saggin, Anna Savanelli si muovono in sintonia con un segno coreografico che infonde pace e frescura, in ascolto di ogni minimo impulso naturale.

L’Autunno è tempo di transizione, tempo per guardarsi dentro, in un passaggio tra ciò che è visibile e ciò che è invisibile. E così uno ensemble di uomini  - i danzatori Luca Campanella, Roberto Cocconi, Daniele Palmeri, Marco Pericoli, Andrea Rizzo, Luca Zampar -  tergiversa sui suoi passi, attardando il più possibile ogni piccola decisione, ponderando che la separazione tra gli opposti prima o poi si assottiglierà fino a scomparire. Assistenti alla coreografia sono Valentina Saggin, Luca Zampar, il disegno luci è di Daniela Bestetti.