Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

La cicala di Belgrado all'Abbazia di Rosazzo

Presentazione in anteprima regionale del libro di Marina Lalović
Marina Lalović
Manzano
Rosazzo
Abbazia di Rosazzo
02/07/21
18

Penultimo appuntamento venerdì 2 luglio alle 18 all’Abbazia di Rosazzo della sezione primavera estate di “I Colloqui dell’Abbazia. Il viaggio della carta geografica di Livio Felluga”, curata da Elda Felluga con Margherita Reguitti, moderatrice degli incontri. Protagonista dell’appuntamento in anteprima regionale sarà Marina Lalović, giornalista di Rainews24 autrice di “La cicala di Belgrado”, uscito per Bottega Errante Edizioni con le illustrazioni di Elisabetta Damiani.

I protagonisti del viaggio inedito e intimo del primo libro della scrittrice che vive e lavora dal 2000 in Italia, sono i quartieri più veri della ex capitale, le kafane (osterie) dove perdere intere giornate a parlare di politica e fratellanza. Ma anche il Danubio e la Sava, le vene d’acqua che la attraversano e trasformano in una città di mare anche se il mare non c’è. Un viaggio a piedi e in bicicletta con la sua amica d’infanzia è lo spunto per riscoprire la città mai dimenticata. La musica, il cibo, le piazze, le vie che attraversano la capitale, i bombardamenti NATO, gli anni Novanta, i personaggi incrociati e conosciuti: Lalović ci  svela l’anima della Città bianca più profonda e inedita con gli occhi di chi l’ha lasciata alla vigilia della caduta del regime di Milošević e la guarda con lucidità e malinconia, con razionalità e affetto allo stesso tempo. Sentimenti e emozioni che compongono una condizione non tangibile definita Jugosfera, che accomuna gli abitanti emigrati della ex Repubblica Federativa.

La rassegna “I Colloqui dell’Abbazia. Il viaggio della carta geografica di Livio Felluga”, nasce e cresce grazie alla sinergia fra la Fondazione Abbazia di Rosazzo e l'azienda Livio Felluga che dal 1956 ha come etichetta l'inconfondibile “carta geografica” a significare il forte legame fra il vino e il suo territorio di vocazione.

Gli incontri si svolgono nel rispetto delle disposizioni di sicurezza anti Covid-19 con prenotazione obbligatoria all’indirizzo fondazione@abbaziadirosazzo.it fino a esaurimento dei posti disponibili.

La manifestazione è realizzata grazie alla Fondazione Abbazia di Rosazzo, Livio Felluga, il Comune di Manzano e l’associazione culturale Vigne Museum.

Informazioni sui siti: www.abbaziadirosazzo.it e www.liviofelluga.it