Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Il giardino delle ciliegie

A Gorizia lo spettacolo scritto come commedia e interpretato come tragedia
05/04/19
20.45
Gorizia
via Garibaldi 2/a
Gorizia

Una curiosa e inaspettata riscrittura dell’ultimo capolavoro di Anton Cechov, “Il giardino dei ciliegi”, chiuderà il cartellone Verdi Off venerdì 5 aprile alle 20.45 al Teatro Verdi di Gorizia. Si tratta de Il giardino delle ciliegie della compagnia milanese Nina’s Drag Queens, con adattamento e regia di Francesco Micheli in collaborazione con Atir Teatro Ringhiera e l’Accademia di Belle Arti di Brera – Biennio Specialistico in Scenografia Teatrale.

L’ultima opera del drammaturgo russo è un grande classico della letteratura drammatica: scritto per essere una commedia, fu rappresentato per la prima volta il 17 gennaio 1904 al Teatro d’Arte di Mosca come una tragedia. Ora diventa un drag show nella riscrittura delle Nina’s Drag Queens: un giardino dei ciliegi buffo e vivace ma anche coinvolgente e riflessivo, caotico quanto basta, eccessivo ma non troppo, colorato ma non azzardato, in una curiosa chiave drag che apre le porte dell’espressività teatrale più originale, senza tuttavia dimenticare la tragedia. Il giardino è la terra dell’infanzia, del sogno ad occhi aperti, l’orizzonte dell’ancora possibile, abitato da sei creature in attesa della fine. Forse sono gli stessi alberi di quel giardino, tacchi a spillo per radici, braccia maschili come rami tesi. Perse in un vivaio di ricordi e passioni, le donne-albero annodano mille piccole vicende attorno a un’unica grande tragedia familiare.

Sono viaggiatrici senza passaporto, dive senza palcoscenico, eroine tragiche senza tragedia. E ridono, ridono spesso, ma sempre con le lacrime agli occhi.