Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

I colori e i profumi delle rose

Nell'ambito di “Colloqui dell’Abbazia"
Manzano
Abbazia di Rosazzo
05/05/16
18

Proseguono all’Abbazia di Rosazzo gli appuntamenti della rassegna “Colloqui dell’Abbazia. Il viaggio della carta geografica di Livio Felluga”, promossa dalla Livio Felluga per festeggiare i 60 anni della celebre etichetta in collaborazione con la Fondazione Abbazia di Rosazzo e con il patrocinio del MIBACT – Biblioteca statale isontina.

Protagonista del prossimo incontro, condotto come consuetudine dalla giornalista Margherita Reguitti, giovedì 5 maggio alle 18, sarà il viaggio sensoriale fra i colori e i profumi delle rose, seguendo la sapiente guida di Riccardo Viti  direttore del Museo Giardino della Rosa Antica di Montagnana di Serramazzoni, in provincia di Modena.

L’incontro sarà l’anteprima di “Rosazzo da Rosa”, in programma a seguire da venerdì 7 a sabato 8, sempre in Abbazia di Rosazzo. La storica manifestazione, giunta alla XII edizione, proporrà un ricco calendario nella due giorni di convegni, mostre, concerti e vetrina-mercato di rose.

“Dopo il successo delle proposte di viaggio che hanno preso il via  dalla  storica carta geografica di Livio Felluga al fianco di Elena Commessatti e Mauro Pascolini,  proseguite con  Paolo Maurensig nella storia e con Guido Mattioni e Marzio Mian oltre oceano -  ricorda Elda Felluga, promotrice della rassegna -  scopriremo la magia di incontrare le raffinate vie dei profumi e dei sapori, in un intreccio fra eccellenze floreali e unicità di gusti e caratteristiche della produzione enologica di queste terre”.

Seguendo la competente e appassionata guida di Riccardo Viti, esperto giardiniere, progettista di giardini e docente in corsi di potatura e moltiplicazione, si conosceranno la storia e le caratteristiche delle oltre 800 specie di rose a dimora nei tre ettari di collina del parco-museo fondato oltre 20 anni fa dalla famiglia Viti.  Un progetto privato nato con il preciso scopo di raccogliere, conservare e difendere il genoma del genere Rosa, creando dei percorsi didattici dove i visitatori possono comprendere le relazioni tra le diverse varietà.

La fioritura delle rose, che si sviluppa da aprile a novembre, attrae sulle colline modenesi ogni anno circa 3.000 visitatori.

L’incontro sarà preceduto alle 17 dall’apertura al pubblico del  percorso di visita al giardino di rose antiche dell’Abbazia.

L’incontro, a ingresso libero, si concluderà con un brindisi con i vini Livio Felluga.