Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

L'arte contemporanea reinterpreta Monfalcone

La storia industriale del territorio rivista da dieci artisti contemporanei internazionali
Una delle opere in mostra
Monfalcone

MuCa
17/12/23
10-18

Altre date

03/12/23 - Monfalcone
04/12/23 - Monfalcone
08/12/23 - Monfalcone
09/12/23 - Monfalcone
10/12/23 - Monfalcone
11/12/23 - Monfalcone
15/12/23 - Monfalcone
16/12/23 - Monfalcone
18/12/23 - Monfalcone
22/12/23 - Monfalcone
23/12/23 - Monfalcone
24/12/23 - Monfalcone
25/12/23 - Monfalcone
29/12/23 - Monfalcone
30/12/23 - Monfalcone
31/12/23 - Monfalcone
01/01/24 - Monfalcone
05/01/24 - Monfalcone
06/01/24 - Monfalcone
07/01/24 - Monfalcone

Il Museo della Cantieristica di Monfalcone apre le sue sale a Peripheral Memories, il progetto dell’Associazione IoDeposito che reinterpreta la storia industriale del territorio attraverso le inedite prospettive di dieci artisti contemporanei internazionali. La mostra, a ingresso gratuito, sarà aperta al pubblico dal 17 novembre al 7 gennaio.

Giovedì 16 novembre la vernice della mostra con visita guidata speciale per le scuole e per le autorità e la cerimonia di donazione delle opere di Neja Tomšič e Andreja Kargačin alla città e alle aziende che le hanno ospitate in residenza.

Grazie a residenze artistiche nei territori del Friuli Venezia Giulia, e concentrandosi sul contesto di Monfalcone e sulle sue unicità, gli artisti hanno potuto lavorare a contatto con la popolazione, con i musei e con le aziende locali, proponendo una sfaccettata indagine sociale e culturale che viene restituita in mostra agli occhi del visitatore in chiave estetica e simbolica.

Dieci graffianti voci creative sono entrate nelle aziende e nei siti di archeologia industriale, hanno conosciuto gli imprenditori e i lavoratori, intervistato i cittadini, ricercato fotografie e documenti in archivi e musei, studiato l’ambiente naturale e la sua antropizzazione. Gli artisti si sono così nutriti delle suggestioni provenienti dal settore nautico e navale, che da decenni rappresenta il cuore produttivo dell’area e, muovendosi tra i patrimoni del territorio, hanno realizzato opere d’arte in grado di evocarne l’identità produttiva, con forme, materiali, gesti, elementi sensoriali.

Così le poesie tradotte in diverse lingue dall’artista serba Andreja Kargačin e scritte sulle vele di International H Sailmaker rappresentano la stratificazione socio-culturale prodotta dalla la presenza dei cantieri navali a Monfalcone, mentre l’opera video della slovena Neja Tomšič valorizza la cura, l’intimità e la maestria artigianale di Cantiere Alto Adriatico Custom nella ristrutturazione della storica imbarcazione “Galeb” che racconta dell’incontro tra l’arte del passato con le tecnologie delle eccellenze regionali nel settore nautico-navale.

All’inaugurazione del 16 novembre – in presenza delle istituzioni locali e degli alunni delle scuole della zona – è prevista la cerimonia di donazione proprio di queste due opere da parte delle artiste alla città, ad Alto Adriatico Custom e a International H Sailmaker.

In mostra anche le opere materiche, installative e video-artistiche di Boris Beja (Slovenia), Nathalie Vanheule (Belgio), Deimion van der Sloot (Olanda/ Argentina), Laura Santamaria, Claudio Beorchia (Italia), Alice Mestriner & Ahad Moslemi (Italia, Iran), Yilin Zhu (Cina).

Il progetto Peripheral Memories
Peripheral Memories esplora il legame tra la storia, il territorio della Regione Friuli Venezia Giulia e le aziende che lo caratterizzano, utilizzando l'arte contemporanea come strumento trasformativo. Si concentra sul processo di sviluppo e disinvestimento industriale nelle zone di confine del nord-est, come le Alpi Giulie, il Carso, la pedemontana Udinese e l'Isonzo. Durante il "secolo breve", queste aree sono state oggetto di crescita economica post-bellica e militarizzazione a causa della loro posizione di confine. Tuttavia, con la fine della guerra fredda, si è verificato un processo di disinvestimento che ha lasciato tracce visibili come ex caserme e fabbriche nel paesaggio: luoghi che rappresentano l'idea di Carso e cinta Giuliana come confine tra occidente e oriente.

In questo scenario Peripheral Memories è anche la valorizzazione di saperi produttivi che aziende tutt’oggi attive tramandano da decenni. Queste imprese hanno nel loro settore di appartenenza una valenza simbolica: legate alla tradizione, alla storia e alla cultura del luogo, sono state capaci di aprirsi all’innovazione anche tramite la collaborazione con il settore creativo.

Visite guidate e laboratori artistici

Sono previste visite guidate gratuite alla mostra Peripheral Memories per i sabati 25.11, 9.12, 23.12 e 6.01 dalle 16:00 alle 18:00 (è gradita prenotazione a prenotazioni@iodeposito.org).

Sono inoltre previsti, su prenotazione e nelle stesse giornate e orari delle visite guidate speciali, laboratori artistici gratuiti dai 6 ai 14 anni, con prenotazione obbligatoria allo stesso indirizzo mail.

Per i genitori e accompagnatori delle bimbe, dei bimbi e degli adolescenti, nelle giornate di laboratorio le visite guidate al Museo della Cantieristica sono offerte al prezzo ridotto di 5,00 € per l’ingresso e di 4,00 € per la visita.

 

GIORNI, ORARI, INGRESSO

Dal 17 novembre al 7 gennaio, i lunedì, venerdì, sabato e domenica, dalle 10:00 alle 18:00.

Per ulteriori informazioni sulla mostra e sugli eventi correlati, è possibile contattare prenotazioni@iodeposito.org o visitare il sito www.bsidewar.org.