Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Le opere di Luciano de Gironcoli a Ronchi

La guerra vissuta, promossa e sostenuta dai comandanti
Luciano de Gironcoli

Ronchi dei Legionari
Sede Leali delle Notizie
27/09/22

Ricomincia la stagione espositiva nella sede dell'Associazione "Leali delle Notizie APS" di piazzetta Francesco Giuseppe I a Ronchi dei Legionari. Con una decina di opere, verrà inaugurata sabato 3 settembre alle ore 19 la mostra di Luciano de Gironcoli, FRA I RICORDI DEL GENERALE, con curatela e presentazione a cura di Eliana Mogorovich.

La mostra a Ronchi dei Legionari resterà aperta fino a sabato 1 ottobre e osserverà gli orari di apertura della sede: lunedì-mercoledì 8.30-13.30/14.30-18.30, martedì 8.30-14.30, giovedì-venerdì 9-13/14-18, sabato 10-12.

Inoltre, l’artista Luciano de Gironcoli sarà presente in sede tutti i sabati dalle 10:00 alle 12.

La mostra fa parte del ciclo “Arte e Territorio”, progetto realizzato con il supporto dell’amministrazione del Comune di Ronchi dei Legionari e con la collaborazione della Cassa Rurale FVG e della Tabaccheria Finatti.

Con un linguaggio che è fortemente apparentato all'espressionismo storico, Luciano de Gironcoli si interroga sulla guerra. Non, almeno apertamente, sugli effetti dei conflitti, ma su come questa venga vissuta, promossa, sostenuta dai comandanti. - Afferma la curatrice Eliana Mogorovich - Con il petto rivestito delle onorificenze meritate seminando il caos e la distruzione visibili alle loro spalle si trasformano essi stessi in allampanati scheletri o maschere di morte istigate al confronto astioso. Sono temi su cui l'artista sta riflettendo da decenni giungendo però sempre allo stesso risultato: alla convinzione cioè che, come aveva già suggerito Goya nel Settecento, “Il sonno della ragione genera mostri”. Lo si percepisce tanto nelle opere a olio quanto nelle grafiche in bianco e nero, dove più sintetici si fanno il disegno e la composizione per cercare di dare un senso a eventi che, purtroppo, non ne hanno ma continuano a reiterarsi.

Luciano de Gironcoli nasce a Gorizia dove frequenta la sezione di decorazione pittorica (affreschi, graffiti e lacche) dell'Istituto Statale d'Arte “Max Fabiani”. Espone in pubblico, per la prima volta nel 1962, in occasione della mostra delle opere partecipanti al Premio San Floriano (Gorizia). Da allora è presente a centinaia di mostre collettive, concorsi, rassegne d'arte a carattere locale, nazionale e internazionale e allestisce numerose mostre personali in Gallerie pubbliche e private. Negli anni si è impegnato per la promozione dell'arte contemporanea fondando l'Associazione Culturale "EXIT" ed entrando a far parte dell’Associazione culturale "Amici di Isonzo-Soča", con la cui rivista collabora come redattore. Da diversi anni tiene conversazioni sull’Arte moderna e contemporanea all’Università della Terza Età di Cormons (Unitre) e da tempo organizza laboratori di pittura e grafica alla Comunità Terapeutica “La Tempesta”. Suoi lavori si trovano in numerose raccolte pubbliche e private regionali e d'oltreconfine. Dal 1972 vive a Cormons dove tuttora ha il suo studio.

Infine, fino al 18 settembre 2022 l’artista è presente con una serie di piccoli lavori alla mostra "Artista+Artista" alla Galleria Regionale d’Arte Contemporanea Luigi Spazzapan di Gradisca d’Isonzo.