Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Music

Gertrude Quintet a Staranzano

Una suggestiva serata tra musica e storia
Staranzano

Villa Romana della Liberta Peticia
27/06/22
20.30

Nell'ambito della realizzazione del Bando per la valorizzazione del patrimonio storico ed etnografico della nostra Regione e in particolare della Villa Romana della Liberta Peticia, a Staranzano, viene proposto un concerto in villa al tramonto nella giornata del 27 giugno alle ore 20.30.
Protagonisti della serata sono i Gertrude Quintet, un quintetto di fiati nato nel 2021, con l'intenzione di proporre un set musicale che operi un ponte tra la musica improvvisata e la musica scritta.
La formazione ha preso il carattere del quintetto acustico grazie all'unione di intenti di alcuni tra i più interessanti fiatisti attivi in FVG. L'idea è quella di creare un percorso musicale tra elementi più complessi legati alla musica contemporanea e momenti più semplici ma altrettanto significativi vicini all'approccio della musica folk. La dimensione acustica del gruppo permette una fruizione diretta e partecipata da parte del pubblico e, dove possibile, scavalca il media dell'amplificazione. Questo rende GERTRUDE un complesso adatto a concerti site-specific e a esibizioni in luoghi naturalistici.

CLARISSA DURIZZOTTO - clarinetto
PAOLO PASCOLO - flauti
GABRIELE CANCELLI - tromba
MIRKO CISILINO - trombone, corno francese
MARTIN O'LAUGHLIN - tuba

Il progetto E-Villae è un progetto culturale dell'assessorato della Cultura del Comune di Staranzano.
Il progetto si pone come obiettivo principe la valorizzazione del sito archeologico della Villa Romana della Liberta Peticia, attraverso il ripristino del sito, il restauro del mosaico musivo, la ristrutturazione della cartellonistica stradale ed indicativa, l'indagine georadar locale e la realizzazione del sito web dedicato.
Questo progetto è stato realizzato grazie al contributo della Regione FVG e alle partnerships della Soprintendenza dei Beni Culturali del FVG, CCM Consorzio Culturale del Monfalconese, DobbiaLab - Gruppo Area di Ricerca, SFA Società Archeologica Friulana; Lacus Timavi; Pro Loco di Staranzano.