Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Discovery

FVG Pride

Sarà Elisa la madrina dell'edizione 2019
08/06/19

Dopo Felipe, padrino del FVG Pride 2017, giocatore dell'Udinese e primo calciatore di serie A a supportare pubblicamente i diritti LGBTQIA+ in Italia, sarà Elisa a sostenere i diritti umani nella sua regione per l'edizione 2019.

Ricoprirà quindi il ruolo di madrina del FVG Pride e interverrà sul palco del concerto gratuito di Muggia, dalle 20 in poi, in Piazzale Adriatico.

Sabato 8 giugno dalle 14.30 in poi è previsto il ritrovo in piazza Libertà per la partenza del corteo di FVG Pride, il primo a Trieste: saranno allestiti dei gazebo dove sarà possibile avere informazioni sulla manifestazione e il suo svolgimento, ci saranno anche volontari per il facepainting.

Il corteo si snoderà per le vie del centro, con varie tappe della Memoria: l'ultima di queste sarà in Piazza Unità, dove si terranno anche i discorsi finali. Durante il corteo sono stati invitati a partecipare anche i primi cittadini che hanno patrocinato il Pride con le rispettive amministrazioni.

Finito il corteo la festa per il Pride si sposterà a Muggia, nel piazzale di fronte ai cantieri San Marco. FVG Pride Live sarà un vero e proprio music festival che celebrerà la fine del corteo. Una festa in musica gratuita che promuove e valorizza il lavoro di artisti queer della scena nazionale e internazionale: un’occasione per scoprire nuovi volti, nuovi suoni e nuove maniere di espressione artistica. Alle 20 inizierà il concerto, che avrà per protagonisti musicisti italiani e europei: il collettivo indie-rock di sole donne ŽEN, l'artista di hip hop alternativo Tofel Santana, la musica queer pop di Splendore e Planningtorock, progetto di Jam Ronson.

Dalle 24 si ritornerà a Trieste per la festa finale di FVG Pride, ospitata al Mandracchio con dj-set a cura di DiscOrsetto, Oceanicmood e Nina Hudej.