Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Music

Franjo Bilić

A Fiumicello un concerto in pieno stile barocco
Franjo Bilic
Fiumicello Villa Vicentina
località San Lorenzo
Chiesa di San Lorenzo
05/09/19
21

Sarà il clavicembalista Franjo Bilić il protagonista di un nuovo appuntamento internazionale del Festival di musica e territorio Nei Suoni dei Luoghi. Giovedì 5 settembre, alle 21, nella Chiesa di San Lorenzo di Fiumicello Villa Vicentina, Bilić trasporterà il pubblico nelle atmosfere e nelle sonorità tipiche del periodo barocco attraverso lo strumento che più rappresenta questa epoca, il clavicembalo. Il concerto, a ingresso libero, è organizzato in collaborazione con l’Accademia di Musica dell’Università di Zagabria.

I grandi maestri della scuola clavicembalistica inglese, olandese, francese e italiana, in un concerto barocco sullo strumento a pizzico tra i più rappresentativi dell’epoca. È il ballo il tema conduttore del programma, a cominciare dalla Pavana e Gagliarda di Byrd e dal ballo del Granduca nella versione di Sweelinck, ispirato dal tema che de’ Cavalieri dedicò a Ferdinando de’ Medici. Segue una Suite, raccolta di danze, dal Primo libro per clavicembalo di de Chambonnières a dare prova dei virtuosismi tastieristici francesi, nei contrasti tra tono maggiore e minore, in opposizione alla Sonata scarlattiana e al Pass’e mezzo del veneto Picchi, tra i primi a pubblicare musica da ballo per clavicembalo. Corona l’Orfeo del suo tempo, Rameau, con rinnovati tempi ancora di danza.

Si deve alla committenza della nobile famiglia Andriani di Fiumicello la ristrutturazione, tra 1645 e 1649, della bella Parrocchiale di San Lorenzo, di fondazione cinquecentesca ma sorta probabilmente sul luogo di una chiesa più antica. Di valore è il gruppo scultoreo che adorna l’altare della navata sinistra, raffigurante il commovente “Compianto del Cristo morto”, opera del 1547 del lapicida friulano Carlo da Carona, che nell’altare di San Lorenzo raggiunse i vertici della propria arte.

 

Programma

W. Byrd The first Pavian and Galliarde da My Ladye Nevells Booke

J. P. Sweelinck Ballo del Granduca

J. Ch. de Chambonnières Suite in sol minore dal Primo libro per clavicembalo

D. Scarlatti Sonata in re maggiore K 492

G. Picchi Pass’ e mezzo

J. Ph. Rameau Suite in la minore