Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Music

Folkest

Il festival che esplora le musiche e le culture del mondo
Randolph Matthews
Spilimbergo

07/07 e fino al 12/07

Dopo le prime settimane che hanno toccato e animato diverse piazze del Friuli, con artisti provenienti da ogni parte del globo, l’estate musicale di Folkest si sposta da venerdì 7 a mercoledì 12 luglio a Spilimbergo per la fase clou del principale festival che esplora le musiche e le culture del mondo con “Folkest in Festa”.

Sei intense giornate di musica con alcune delle presenze internazionali più attese di questa edizione, da Ray Wilson ai Fairport Convention e i Folkstone. Si inizia venerdì in piazza Garibaldi (ore 21.15) con la molisana Zampognorchestra, una band assolutamente fuori dagli schemi: loro suonano il rock, il jazz, la classica, il blues tutto con le cornamuse e ci fanno abbandonare lo stereotipo dello zampognaro dell’Italia centrale..: Sempre nella serata di venerdì, alla Torre orientale, l’Orchestrona di Forlimpopoli, Gli Archimedi, formazione da camera con l’utopia dell’improvvisazione e la Kokoneko Folk Band, che unisce sul palco Italia e Giappone, una formazione nata in ambiti più prettamente jazzistici, costituita intorno alla pianista giapponese Mariko Kitazato, che ben vira il suo sound verso il folk e la world music, grazie anche all’ingresso del percussionista cubano Yamil Castillo.

Molto intensa la giornata di sabato a partire, la mattina, dall’iniziativa “musica tra la gente” per far provare a tutti gli interessati uno strumento, seguiti dai docenti della Scuola di Musica Gottardo Tomat. Spazio ai palchi dalle 18.30 in piazza Garibaldi con i ViaNova e la Compagnia campana Suon&Passion mentre alle 21.15 sarà la volta di un artista davvero unico e originale. Cantante, compositore, produttore e straordinario beatboxer, sul palco di Folkest in Festa si esibirà Randolph Matthews: figlio di emigranti che negli anni ’50 si spostarono dai Caraibi all’Inghilterra, il suo è un viaggio musicale che unisce i popoli invece di separarli, tra jazz, blues e folk. In programma alla Torre orientale anche Saodaj’ La Reunion, Molino Rosenkranz, Swingari, la Tomat Band Tapestry con l’omaggio a Carole King e gli Herbert Pixner Projekt del Sud Tirolo. Nel ricco programma di domenica una serata tutta all’insegna del cosiddetto Napoli Power con la presenza di Jenny Sorrenti & Saint Just e dei Vesevus Solis String Quartet. Jenny, sorella di Alan Sorrenti, forma il gruppo Saint Just nel 1972, insieme a Tony Verde e al sassofonista Bobby Fix: è proprio quello il momento in cui nasce a Napoli un movimento nuovo che porta con sé una musica rivoluzionaria, contro tutti gli schemi e le regole della canzone tradizionale, una musica di contaminazione in cui cominiano a confluire vari generi: il folk, il rock, il classico, il medievale, il jazz…quel movimento che ha a lungo unito Jenny Sorrenti al grande amico di sempre Pino Daniele.

Non mancherà a questa 39^ edizione di Folkest il mondo della canzone anglosassone con i principi e inventori del folk-rock britannico, i Fairport Convention, gruppo che si avvicina a festeggiare i cinquant’anni di età, in concerto a Spilimbergo lunedì 10 luglio. Un incredibile numero di cambi di formazione caratterizza la storia dei Fairport nei primi quindici anni di vita. Si sciolsero nel 1979, per poi riformarsi a furor di popolo nel 1985: un insieme di veterani e nuovi ingressi per una delle più longeve formazioni della scena mondiale. Anno dopo anno si arriva al 2017, con un nuovo disco e un cinquantenario da festeggiare. Folkest li omaggia con il Premio Folkest alla Carriera.

Martedì 11 (piazza Duomo ore 21.15) sarà la volta di Ray Wilson, voce e front man dei Genesis, uno dei gruppi più importanti e innovativi della storia del rock progressivo, al suo unico concerto italiano della stagione. Subentral al batterista e cantante Phil Collins nel 1996 restando con i Genesis fino al loro scioglimento. Dopo la chiusura della celebre band, Ray Wilson prosegue la carriera solistica con ben quattordici album all’attivo. Atteso a Spilimbergo per un concerto dedicato al repertorio classico dei Genesis. Spazio anche per le nuove frontiere del folk-metal, con i lombardi Folkstone sul palco mercoledì 12 luglio, ultima giornata di Folkest in Festa a Spilimbergo.