Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Dalla carta al web A/R

Incontro con Beatrice Masini e Giuseppe Riva
Porcia
Barchessa di Villa Dolfin
20/05/16
14.30

Arriva il “maggio dei libri” 2016 e intorno a pordenonelegge fioriscono le iniziative di divulgazione e formazione legate al piacere della lettura. Un occhio speciale è dedicato ai ragazzi e a chi riveste l’importante e delicatissimo ruolo di insegnante: imparare a leggere è solo il primo passo per coltivare una propria passione di lettore, e il primo approccio al libro è spesso determinante. Per questo il Comune di Porcia – Assessorato alla Cultura ha promosso, a cura della Fondazione Pordenonelegge.it, una speciale giornata di incontro dedicata a insegnanti, educatori, bibliotecari, ma anche a genitori attenti e a lettori appassionati: “Dalla carta al web A/R. Raccontare il mondo. I libri a scuola”, in programma venerdì 20 maggio nella Barchessa di Villa Dolfin a Porcia, partirà dai libri e dagli autori per indagare aspetti e temi che riguardano la formazione nella scuola primaria. Sarà la voce autorevole di chi lavora sul campo, fra letteratura per i ragazzi e tecnologie di comunicazione, a trasmettere esperienza, consigli, indicazioni di metodo e di approccio: Beatrice Masini, una delle più importanti autrici in Italia sul versante della letteratura per ragazzi, spiegherà come leggere ai bambini e come “insegnare” a leggere, per trasmettere una delle passioni più grandi.  E dalla carta al digitale, in uno scambio che si auspica virtuoso di “andata e ritorno”, l’approfondimento del rapporto in costante evoluzione con le nuove tecnologie e i nuovi media sarà affidato a Giuseppe Riva, studioso di psicologia e nuove tecnologie della comunicazione.

Appuntamento alle 14.30 a Villa Dolfin per la registrazione dei partecipanti. Poco dopo l’intervento iniziale di Beatrice Masini graviterà intorno a “L’amore per la scrittura, l’amore per la lettura”. Sarà l’autrice, anche in veste di editor e traduttrice, a dare orientamenti preziosi per navigare nel vasto mare della letteratura per ragazzi: suggerimenti, piccoli segreti ed esperienze per scegliere e guidare al meglio i bambini nella lettura, appassionandoli ai libri. Alle 16.30 con Giuseppe Riva si parlerà diNativi digitali e nuovi media” per capire chi sono oggi, e quanti sono i “nativi digitali”, generazione che Marc Prensky iniziò a raccontare nel 2001.  Che impatto ha l’uso delle nuove tecnologie sulla mente, sull’identità e sul modo con cui interagiscono e comunicano i nativi digitali? La virtualità dei nuovi media ci aliena dalla realtà o, al contrario, ci aiuta ad affrontare le sfide della modernità? A questi interrogativi Giuseppe Riva darà risposta in rapporto alle strutture educative e al loro ruolo per la formazione e guida dei nativi digitali.

Beatrice Masini è nata a Milano, dove vive e lavora. Giornalista, editor, traduttrice di molti libri tra i quali la saga di Harry Potter, scrive libri per bambini e ragazzi, dagli album illustrati per i più piccoli a romanzi per adolescenti. Le sue storie sono tradotte in tutto il mondo. Ha vinto nel 1999 il Premio Castello di Sanguinetto con il romanzo La casa delle bambole non si tocca (Salani), nel 2004 il Premio Pippi con Signore e signorine – Corale greca (Einaudi Ragazzi), il Premio Elsa Morante con La spada e il cuore – Donne della Bibbia (Edizioni EL) e il Premio Andersen come miglior autrice. Il suo Bambini nel bosco (Fanucci) è entrato nella rosa dei 12 finalisti del Premio Strega 2010. Tentativi di botanica degli affetti (Bompiani) è stato finalista del Premio Campiello 2013. Il suo ultimo libro è I nomi che diamo alle cose (Bompiani 2016).

Giuseppe Riva – docente di Psicologia e Nuove Tecnologie della Comunicazione all'Università Cattolica di Milano, dove dirige il LICENT (Laboratorio di Studio dell'Interazione Comunicativa e delle Nuove Tecnologie) – nei suoi libri cerca di rispondere a queste e ad altre domande, descrivendo il complesso mondo dei nativi digitali e dei nuovi media: come sono nati e come si sono evoluti, quali effetti hanno prodotto sulle relazioni e sull’identità delle persone.