Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Chi sei?

Trieste
piazza Piccola 2
Sala Fittke
25/05 e fino al 14/06
10-13/17-20

Questa mostra, come altre precedenti allestite da 6idea, è un progetto condiviso e sviluppato in comune dal gruppo di artisti che collaborano da alcuni anni con l’associazione e viene proposta, principalmente, come uno spazio di libertà in cui sono la curiosità e la partecipazione interattiva del pubblico a scoprire e  condividere le riflessioni e le suggestioni suggerite dai lavori degli artisti. Una serie di quadri, pannelli ed assemblaggi con diversi materiali e tecniche ci invitano ad entrare in un ambiente  immaginario in cui riflettere su se stessi e sul senso del proprio comunicare.

Al centro della sala, le sagome, di Ilaria Zecchini, che riproducono in dimensione reale personaggi famosi , invitano il visitatore a cercare in modo divertente la propria identità  vestendone i panni. Lungo le pareti si susseguono le figure di donne semplici stilizzate ed espressive di Vivijana Kljun, i corpi senza il volto di donne, figure sfuggevoli ed eteree di Fulvia Dionis, la  sequenza fotografica di Elisabetta De Minicis che ci ricorda il lato spirituale di ciascuno di noi ed il pannello di Giuliana Polonio che, con uno sguardo sull’universo, ci fa riflettere sulla nostra  dimensione umana limitata. Si prosegue con la scultura in tessuto di Laila Grison, mani  che ci salutano nel linguaggio dei segni e del silenzio e con la scultura tecnologica di Giorgio Schumann che trasforma scarti di lavorazione ed oggetti obsoleti in poesia. La tecnologia è un tema anche di Luciana Costa che  trasforma nel suo pannello un’ecatombe di telefonini, come lei dice, in una tessitura artigianale per riportarci alla realtà fisica delle cose e di noi stessi ricordando a tutti noi le  conseguenze dell’uso indiscriminato dei cellulari. Completa la rassegna la lampada di Rosanna Palombit, fatta di particelle di vetro, componibile in diverse forme in continua trasformazione alla ricerca dell’essenzialità della luce.