Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Alfabeto friulano delle rimozioni

Paolo Patui inaugura l'anno accademico dell'Ute a Pordenone
Paolo Patui
Pordenone

Auditorium Zanussi
03/10/22
15.30

Sarà lo scrittore Paolo Patui a inaugurare - lunedì 3 ottobre, alle 15.30, nell’Auditorium Lino Zanussi della Casa dello Studente di Pordenone - il 41^ Anno Accademico dell’UTE, Università della Terza Età di Pordenone.

L’incontro di prolusione, aperto a tutti con ingresso gratuito, prevede un intervento di Patui sul tema Alfabeto friulano delle rimozioni, che si riverbera nel libro pubblicato per Bottega Errante Edizioni nel 2020, e abbraccia idealmente le personalità friulane conosciute in tutto il mondo.

Paolo Patui, personalità poliedrica, “è uno di quei viandanti ai quali piace più l’andare che l’essere arrivati”, nella suggestiva definizione di un altro scrittore friulano, Angelo Floramo.

La carriera di Patui come autore inizia molto presto: dopo alcune regie teatrali, ha firma con Elio Bartolini la traduzione della versione televisiva di Lupo Alberto (Berto Lôf) e della Pimpa; Berto Lôf è stata la prima trasmissione televisiva in friulano della RAI regionale; con Bartolini è autore anche di Bigatis: storie di donne friulane in filanda, spettacolo teatrale prodotto dal Centro Servizi e Spettacoli di Udine (2000), che vanta più di 10.000 spettatori (Premio Moret d’Aur e premio Adelaide Ristori per la miglior interpretazione femminile del 2000). Per la RAI regionale ha ideato e realizzato L’Alfabeto friulano delle rimozioni, arbitrario pellegrinaggio tra nomi e cognomi che il Friuli non deve dimenticare. Ha tradotto in friulano, adattandolo, Maratona di New York di Edoardo Erba, interpretato da Fabiano Fantini e Claudio Moretti. Collabora come opinionista con diverse testate giornalistiche in particolare firmando negli ultimi anni una rubrica di carattere ironico sportivo sulle pagine del Messaggero Veneto, ora intitolata Incursioni bianconere. Da oltre quindici anni si dedica alle serate di letture in pubblico ed è ideatore e direttore artistico della rassegna Leggermente – Appuntamenti periodici di resistenza letteraria di San Daniele del Friuli.