Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Discovery

Meravigliosa complessità!

La fisica comunica con la medicina, l'arte e la spiritualità.
Parco di San Giovanni (ph. Ufficio stampa Volpe Sain)
Trieste
Parco di San Giovanni
06/06 e fino al 07/06

Due giorni dedicati alla “Meravigliosa Complessità!”, nella suggestiva cornice del Parco di San Giovanni a Trieste che si animerà per ospitare sabato 6 giugno e domenica 7 giugno il meeting dove la fisica incontra la medicina, l’arte e la spiritualità. Una piazza dove scambiare conoscenze e sapere tra diverse discipline che si intrecciano nella loro complessità.

Nasce così la prima edizione del Festival “Meravigliosa Complessità!”, ideato da AMeC - Associazione Medicina Complessa con Smile Tech. AMeC, presieduta dal medico e ricercatore Fabio Burigana, festeggia così i suoi primi dieci anni di attività, con un evento ricco di spunti di riflessione. Fino dalla sua fondazione, l’associazione ha posto al centro l’integrazione degli approcci terapeutici affiancando alle cure tradizionali altre prospettive di trattamento, per ampliare le possibilità di aiuto ai pazienti anche affetti da patologie oncologiche e neurodegenerative croniche. Trieste città della scienza ma anche attenta alla diversità nelle sue mille sfaccettature diventa per due giorni il centro propulsore di un messaggio di libertà e benessere fruibile a tutti. Si parlerà di fisica, medicina, psicologia, benessere, alimentazione, salute, con più di 50 relatori che saranno i protagonisti di lezioni magistrali, reading, dialoghi, workshop, tavole rotonde. Ci sarà spazio anche per improvvisazioni musicali, spettacoli teatrali, seminari dedicati allo yoga, laboratori di pittura e fotografia, di medicina alternativa tutto all’insegna della complessità nell’intrecciarsi di vita e conoscenza.

«L’iniziativa – spiega il coordinatore Fabio Burigana – nasce dalla consapevolezza che le idee innovative fermentano e si producono quando discipline con storie e metodi diversi comunicano tra di loro. La complessità è chiave d’accesso privilegiata verso nuove vie e nuove scoperte: in questo senso, la fase iperspecialistica che alimenta la ricerca nel nostro tempo difficilmente potrà giovare all’ ampliamento di visione della realtà, e quindi alla capacità di risolvere i problemi che la nostra epoca richiede in maniera sempre più drammatica». Di qui il fitto programma di incontri che si svilupperanno nel corso dei due giorni di meeting a partire dalla complessità. Con Marinella De Simone, Presidente e Direttore Scientifico del Complexity Institute APS e docente della Complexity Management Business School, si parlerà di “Le intelligenze relazionali: un approccio complesso all’apprendimento”. Il sociologo Raffaello Maggian docente di Pianificazione sociale all’Università di Trieste, racconterà di “Trieste: una città ad elevata complessità sociale”. Ampio spazio sarà dato al dibattito attorno al bosone di Higgs sulle recenti scoperte e le future ricerche, con numerosi esperti tra cui il fisico teorico Abdelhak Djouadi medaglia d’argento del Cnrs. Ricco il programma dedicato alla psicologia dalle “Parole d’amore : il sacro e la trasformazione” con la psicologa e psicoterapeuta Mara Breno all’arteterapia nel seminario con Gloria Clauser sulla figura di Frida Khalo. Per gli appuntamenti rivolti al campo della medicina particolare attenzione sarà data ad una visione sistemica della cura di chi si prende cura di persone con disagio psichico: ne converserà Maurizio Cannarozzo, omeopata Medico del Lavoro e Vicepresidente Amec con la psicoterapeuta Ernestina CarielloAnche la musica sarà al centro del dibattito sulla complessità con un seminario dedicato all’Armonia e diversità del linguaggio comunicativo in musica con il bluesman Mike Sponza, la producer Laura Baruca, il musicista Moreno Buttinar eAlex Petroni, docente di Music management e Comunicazione presso il Saint Louis College of Music di Roma.

Spazio anche per le improvvisazioni musicali del gruppo Indie Rock Post-Antico Merovingi: Francesco Pelosi voce, - Enrico Fava tastiere, Gabriele Fava al sax, Salvatore Siracusa chitarra elettrica, Gianluca D'Alterio basso elettrico e Alessandro Aldrovandi alla batteria che si esibiranno in concerto sabato 7 giugno. La narrazione sonora sarà introdotta da alcuni cenni ai simboli cui fanno riferimento i brani scelti. Il teatro recita la scienza nello spettacolo firmato da Giuseppe O. Longo docente di teoria dell’Informazione, narratore e drammaturgo “Un trapianto molto particolare”, con Norina Benedetti: cosa può accadere se il cervello di una donna viene trapiantato nel corpo di un uomo e viceversa.

“Meravigliosa complessità!” aderisce alla sesta edizione del Festival della Complessità ed è organizzato con il patrocinio del Comune e della Provincia di Trieste, l’Azienda per l’assistenza sanitaria n.1 triestina e l’Azienda Ospedaliero Universitaria, le Università degli studi di Trieste e Udine e l’Ordine dei farmacisti della provincia di Trieste.