Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Music

Ian Siegal & Mike Sponza

Special Blues Night. Unica data italiana.
(ph. PN Blues Festival)
Tavagnacco
Al Gallone, via Nazionale 8 - Feletto Umberto
29/04/15
21.30
0432 470487

Line up:

 

IAN SIEGAL - voce/chitarra 

MIKE SPONZA - voce/chitarra 

MAURO TOLOT - basso/voce 

MORENO BUTTINAR - batteria

 

IAN SIEGAL & MIKE SPONZA

Ian Siegal oggi rappresenta la punta di diamante della scena blues britannica e viene considerato il massimo esponente del genere. Proviene da Londra; cantante, chitarrista e compositore, propone uno spettacolo assolutamente originale e coivolgente. Nel corso degli ultimi anni la carriera di Ian Siegal ha subito una forte impennata, sia per l’attenzione rivolta dal pubblico e dai media ai suoi spettacoli (quasi sempre sold out!), sia per i suoi lavori discografici “Meat & Potatoes”, "Dust" e “Swagger” che dimostrano come Siegal riesca a coniugare con successo la sua originalità con vere sonorità blues, senza cadere in clichè e riproposizioni dl passato. Fino ad arrivare all'album "The Skinny" con cui ian ha guadagnato la nomination come migliore "contemporary blues album" ai BMA 2012, con il progetto insieme ai fratelli Dickinson ed Alvin Youngblood Hart.

Ian Siegal, nel corso degli ultimi 5 anni, ha collaborato con il “gotha” del blues mondiale e molte parole sono state spese per descrivere lo stile di questo artista. Da Bill Wyman a Jeff Beck, da John Lee Hooker Jr. a Jimmie Vaughan, il verdetto è unanime...è un grande! La prestigiosa rivista musicale americana “MOJO MAGAZINE” ha classificato il suo ultimo album come miglior CD di blues del 2013, a livello mondiale, definendo Ian "One of the most gifted singers and songwriters in contemporary blues". La sua popolarità lo porta ad esibirsi in tutto il mondo.

MIKE SPONZA

Il "guru del blues italiano" (Corriere della Sera nel 2009), "il piu' visionario bluesman europeo" (la rivista inglese Blues Matters 2010): questi alcuni tra gli entusiastici appellativi che Mike si e' guadagnato negli anni da parte dei media, assieme a numerose recensioni a 5 stelle, interviste e copertine sui piu' autorevoli magazine europei, musicali e non. Mike Sponza celebra i trent’anni di musica con il nuovo progetto “Central European Orchestra", inedita e innovativa iniziativa discografica che vede coinvolti, oltre alla sua storica band, un’orchestra di 35 elementi. Mike  consolida così ulteriormente la sua immagine sulla scena blues internazionale. Dopo anni d'intensa carriera artistica - che lo hanno visto on stage nei piu' blasonati festival dedicati al blues - e discografica, si conferma, senza alcun dubbio, come uno dei protagonisti di maggior spicco del blues europeo.

La fortunata partnership musicale (artistica) con Bob Margolin, il leggendario membro della Muddy Waters Band, si e' concretizzata in quattro intensi tour da un capo all'altro dell'Europa, con concerti "sold out" in Francia, Svizzera, Germania, Olanda, Belgio, Danimarca, Ungheria, Slovenia, Serbia, Croazia e Austria. Un successo ampiamente testimoniato da una copiosa rassegna stampa, tanto e' vero, che Bob ha deciso, pressoche' su due piedi, di incidere assieme alla Mike Sponza Band, l'album "Blues around the world", pubblicato negli Stati Uniti dall'etichetta Vizztone Record, uscito a marzo 2012. Album che i magazine americani di settore, hanno gia' recensito come "the strongest album" della carriera da solista di Margolin. Che nel giro di poche settimane, si era gia' saldamente posizionato al 10mo posto nelle classifiche blues statunitensi. 

Grande sostenitore della collaborazione tra musicisti, dal 2006 collabora regolarmente con Ian Siegal, acclamato come il piu' importante bluesman inglese contemporaneo, che è anche uno degli special guest del nuovo disco

Granitica la spina dorsale della Mike Sponza Band, che si avvale di una sezione ritmica tra le piu' "robuste" d'Europa. Vale a dire, Mauro Tolot al basso e Moreno Buttinar alla batteria.