Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Music

Natalia Molebatsi

Leo Virgili chitarra, Roberto Amadeo contrabbasso e Stefano Bragagnolo percussioni.
molebatsi.jpg
Cormòns
Sala civica, piazza XXIV Maggio
19/03/15
20.30

È considerata una delle voci poetiche sudafricane più importanti della generazione del post-apartheid; il suo percorso artistico sperimenta incroci tra canto e recitazione, tra generi e forme di espressione differenti, jazz, blues e afro funk. Le sue sono canzoni che inneggiano alla speranza, che invocano un mondo senza più ingiustizie e soprusi del più forte e del più furbo sul più debole e ingenuo. Un impegno sociale da lei dimostrato andando in Palestina e sottolineando come ciò che sta accadendo in quella terra tormentata sia paragonabile al Sudafrica ai tempi del regime di apartheid; anzi, Gaza sta vivendo una situazione ben più tragica.

L’appuntamento, che rientra nel lungo prologo che prevede 12 serate di poesia e musica a Udine prima del consueto tour di una ventina di reading con musica in 5 nazioni, è proposto da Culturaglobale e Comune di Cormons nel contesto del festival internazionale di poesia “Acque di acqua”. La serata presentata da Sabrina Vidon è programmata a Cormons in Sala Civica giovedì 19 marzo alle ore 20.30, ingresso gratuito.

È il primo appuntamento di un breve ciclo che continuerà con la siriana Maram al Masri, che incontrerà gli studenti delle superiori di Gorizia, e la lubianese Barbara Korun ospitata alla Guarneriana di S. Daniele. Occasione unica per ascoltare Natalia Molebatsi, cantastorie contemporanea, che dà voce alle donne africane, alle oppressioni e alla bellezza della vita. “… parlo agli spiriti/che parlano a barricate/e check points/che inghiottiscono i nostri figli nel fiore della loro esistenza/e figlie che esplodono da episodi silenziosi/di fede/e dolore/e pioggia che non arriva mai…”