Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Te la canto io… l’operetta

Andrea Binetti (tenore), Marzia Postogna (cantante attrice), Gabriela Thierry (soprano), Mathia Neglia (tenore) e la voce fuoricampo di Elio Pandolfi.
Operetta_sito.jpg
Grado
Auditorium Marin, via Marchesini 31
27/02/15
20.45

In uno studio televisivo sono in corso le prove di regia e musicali per l’ultima puntata di una serie di grande successo. Sotto i riflettori e l’attento sguardo del regista i quattro artisti si confrontano e si “scontrano” sul testo di quello che dovranno recitare. In particolare tra il conduttore e la soubrette corre una certa vena di conflittualità, capace di generare divertenti situazioni comiche. La coppia dei cantanti, tenore e soprano, osservano, commentano distaccati i piccoli dissidi dei due loro colleghi. Il regista dalla cabina di regia, lancia i suoi strali, le sue invettive, gli ammonimenti e imposta il percorso del programma.
In Te la canto io … l’operetta non si racconta una storia vera e propria, i brani d’operetta proposti suggeriscono aneddoti e battute esilaranti, la memoria degli artisti di un’epoca scomparsa, i racconti della tradizione si srotolano attraverso i dialoghi dei nostri protagonisti.

Andrea Binetti, grande interprete dell’Operetta, erede della scuola di Sandro Massimini, ha curato il testo e la regia dello spettacolo, ma ne è anche interprete nei panni del conduttore televisivo. Marzia Postogna è la soubrette in continuo disaccordo con il conduttore. Attrice e cantante, è stata per molti anni protagonista nelle produzioni de La Contrada di Trieste, recentemente ritornata al primo amore, il canto. Gabriela Thierry è il soprano “coccodè”, cantante lirica dalla voce calda e ambrata fa coppia in scena con Mathia Neglia, “il tenore”, aitante e dalla voce squillante.
Maurizio Baldin al pianoforte, brillante accompagnatore, ha curato gli arrangiamenti musicali dello spettacolo. A lui è affidata la colonna sonora ed è il Maestro.
Il “fuori campo” del regista televisivo è la simpatica voce di uno dei personaggi più amati dal pubblico teatrale e televisivo, il famoso attore romano Elio Pandolfi.

Lo spettacolo è una nuova produzione dell’Associazione Internazionale dell’Operetta F.V.G. di Trieste, da oltre vent’anni protagonista sulla ribalta della “piccola lirica”, che segue alle due più recenti Cin Ci Là e Ballo al Savoy, operette allestite nel 2011 e 2012, e all’allestimento nel 2013 della commedia musicale Un calicetto con Suppè, omaggio al compositore dalmata, padre dell’operetta viennese.

I brani eseguiti nel corso dello spettacolo sono tratti dalle operette più famose del vasto panorama della piccola lirica: dalle danubiane La Vedova allegraLa Principessa della csardas, Al Cavallino bianco, La Danza delle LibelluleBallo al Savoy alle italiane più amate e conosciute dal pubblico, Il Paese dei CampanelliScugnizzaCin Ci Là e La Duchessa del Bal Tabarin. Il tutto eseguito nei costumi autentici di scena.