Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

La semplicità ingannata

Marta Cuscunà mette in scena una “Satira per attrice e pupazze sul lusso d'esser donne”, assumendo la narrazione in un monologo a più voci e personaggi
Cervignano del Friuli
Teatro Pasolini, piazza Indipendenza 34
09/01/13
0431 370273

Dopo la fortunata esperienza di E’ bello vivere liberi!, Marta Cuscunà prosegue la sua indagine sulle Resistenze femminili in Italia. Già nel Cinquecento si possono rintracciare alcuni importanti tentativi di emancipazione femminile, immediatamente soffocati e dimenticati. Fra essi, Marta Cuscunà ne ha individuato uno a noi particolalmente vicino: un episodio di resistenza scatenatosi fra le suore Clarisse di Udine. Le monache del Santa Chiara, spesso costrette a prendere i voti forzatamente, attuarono infatti una forma di Resistenza davvero unica nel suo genere. Queste donne trasformarono il convento udinese in uno spazio di contestazione, di libertà di pensiero, di dissacrazione dei dogmi religiosi e della cultura maschile, con un fervore culturale impensabile per l'universo femminile dell'epoca.