Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

"Tempus fugit" in Guarneriana

Storie di calendari liturgici, di maestri orologiai e di torri delle ore nei repertori manoscritti della Guarneriana
TEMPUSFUGITStoriedicalendariliturgicidimaestriorologiaieditorridelleorenellecartedellaGuarneriana.18dicembre2013ore18.jpg
San Daniele del Friuli
Biblioteca Guarneriana, via Roma 1
18/12/13
18

Anche quest’anno la Biblioteca Antica vuole fare un regalo speciale di Natale alla Comunità: così mercoledì 18 dicembre, alle ore 18.00, il direttore Angelo Floramo terrà una conversazione sul tema: Tempus fugit: storie di calendari liturgici, di maestri orologiai e di torri delle ore nei repertori manoscritti della Guarneriana. In questo tempo di attesa e di sospensione che accompagna le feste di Natale e di fine anno la riflessione sul tempo è un invito a riscoprire antiche consuetudini che la fretta del nostro vivere quotidiano ci ha fatto dimenticare. Il discorso prenderà le mosse dalle splendide immagini dei calendari liturgici e dei libri delle ore conservate nei manoscritti di Guarnerio e di Giusto Fontanini per toccare le profonde riflessioni ricavate dallo splendido esemplare del De Civitate Dei di Sant’Agostino, manoscritto fra i più belli della Biblioteca, e quindi approdare alle curiosissime vicende umane legate alla “torre delle hore” che con il suo orologio abbelliva la piazza di San Daniele fin dal XIV secolo, finché non venne demolita nel 1848 per far posto ad un arco trionfale mai realizzato. Le storie dei suoi mastri orologiai, la loro dedizione alla cura dei meccanismi, la loro condizione di professionisti del tempo mal pagati e spesso derelitti restituiscono uno spaccato estremamente interessante della vita quotidiana di San Daniele nei secoli passati, emersa dai documenti di archivio. Fino alla bella figura di Antonio Minisini, ultimo custode dell’orologio, padre del più celebre Luigi, che acquisì una certa fama come scultore a Venezia.