Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Venerdì e sabato incontro nazionale

Società
18 febbraio 2014

Nasce a Trieste la "Rete Giovani Salute Mentale"

di Barbara Candotti
Per la prima volta gli operatori italiani under 40 si riuniscono assieme.
CONDIVIDI
4141
Il "simbolo" Marco Cavallo
Società
18 febbraio 2014 di Barbara Candotti

Hanno sguardi luminosi, sono generosi curiosi, desiderosi di cogliere il senso etico, politico e umano di quella che sarà, o è già, la loro professione. Ma quando arrivano nei luoghi della psichiatria vivono lo sgomento dell'assenza. Per sopravvivere devono allontanarsi dall'insensatezza che si presenta quotidianamente davanti ai loro occhi. Sono loro i giovani operatori della salute mentale che hanno ritenuto indispensabile impegnarsi per continuare a credere nella possibilità di un reale cambiamento.

E sono sempre loro, tutti rigorosamente under 40 anni e provenienti da diverse parti d'Italia, che hanno deciso di far nascere la “Rete giovani salute mentale” non a caso a Trieste. L'esperienza delle politiche di salute mentale in questa regione e le pratiche quotidiane messe in atto a Trieste, infatti, continuano a renderla un punto di riferimento nazionale e internazionale in questo campo.

Si incontreranno a San Giovanni, nella sede della Direzione del DSM di Trieste, venerdì 21 febbraio dalle ore 15.30 alle ore 18.30 e sabato 22 febbraio dalle ore 9.30 alle ore 12.30. Hanno accolto l’invito a partecipare anche giovani con l’esperienza del disturbo mentale e che stanno attraversando un percorso di recovery. Nell'ambito di questa due giorni, inoltre, venerdì 21 febbraio alle 19 da Knulp, è stata organizzata la presentazione del libro “La fabbrica della cura mentale. Diario di uno psichiatra riluttante” (Edizioni elèuthera, 2013) di Piero Cipriano, giovane psichiatra. 

Peppe Dell'Acqua, che di questa rete è il promotore, insieme ai giovani studenti triestini, l'aveva anticipato nel suo discorso pronunciato in occasione della recente assegnazione del Premio Nonino: “La responsabilità che dobbiamo sentire a Trieste è quella di restituire ai giovani che intraprendono questi mestieri quanto noi fortunatamente abbiamo appreso. La bella cosa che sta nascendo non è altro che un sentirsi vicini gli uni agli altri per scambiare le incertezze, le frustrazioni e i successi entusiasmanti e inaspettati del lavoro quotidiano” – afferma lo psichiatra direttore di Collana 180 – Archivio critico della salute mentale.

Un incontro, quello di questo weekend, che potrebbe preparare il terreno per una grande assemblea nazionale da organizzare a primavera. “Da tempo immaginavo questo incontro, un sogno - continua Dell'Acqua - ma si sa che quando si sogna insieme le cose diventano più grandi”.

Commenti (0)
Comment