Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Nuovo ingresso nella rinomata lista

Società
06 febbraio 2014

La Via dei Sapori Fvg fa... 20!

di Marina Tagliaferri
Il Ristorante Al Gallo di Pordenone portabandiera dell'eccellenza gastronomica regionale.
CONDIVIDI
3971
Andrea Spina e Diletta Pitton (ph Della Rossa)
Società
06 febbraio 2014 di Marina Tagliaferri

New entry in Friuli Venezia Giulia  Via dei Sapori: Al Gallo di Pordenone è stato infatti cooptato dagli associati ed ora fa parte del gruppo dei “Magnifici Venti” ristoranti portabandiera del livello di assoluta eccellenza della gastronomia del Friuli Venezia Giulia.

Locale storico di Pordenone (la sua apertura risale infatti al 1850, quando era la prima osteria che s’incontrava – superato il ponte sul Nocello – entrando in città), nel  2009 è stato riaperto dopo un’attenta ristrutturazione dallo chef Andrea Spina e da sua moglie Diletta Pitton, che in breve tempo ne hanno fatto uno dei punti di riferimento della ristorazione cittadina. Cucina di pesce è quella proposta da Andrea, affinata dall’ intensa esperienza fatta Grado, isola celebre, oltre che per la sua laguna e le sue spiagge, anche per la sua cucina marinara. Nei suoi piatti si mescolano con garbo e buon gusto il pesce dell’Alto Adriatico e i prodotti della Pedemontana pordenonese, in un sapiente gioco di colori-profumi-sapori.

“Costruisco il piatto – racconta - cercando di esaltare l’ingrediente di base, il pesce, e manipolandolo il meno possibile: attorno a lui definisco la ricetta.”

Interessante la cantina, fra cui spiccano le grandi etichette del Friuli Venezia Giulia e un’accurata selezione di produttori di  fuori regione.

In pieno centro, fra il Duomo e il Municipio, il ristorante occupa il piano terra di un’antica casa, al cui piano superiore si trova lo studio che fu di Giovanni Antonio de’ Sacchis, noto come “Il Pordenone”, uno dei massimi artisti della città, vissuto tra il 1484 e il 1539. Dato che l’edificio è orientato verso il sorgere del sole, si racconta che il suo nome fu scelto proprio come rimando al canto del  gallo all’alba.

Due le sale ben curate con una cinquantina di coperti, con la bella stagione offre agli ospiti la piacevole possibilità di mangiare nel curato e “segreto” giardino estivo, che si apre sotto l’abside del Duomo.  

Al Gallo (www.ristorantealgallo.com) è, con La Primula di San Quirino, uno dei due ristoranti pordenonesi di Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori, di cui fanno parte Al Bagatto di Trieste, Al Ferarùt di Rivignano, Al Grop di Tavagnacco, Al Lido di Muggia, Al Paradiso di Paradiso, Al Ponte di Gradisca d’Isonzo, All’Androna di Grado, Campiello di S. Giovanni al Natisone, Carnia di Venzone, Costantini di Tarcento, Da Nando di Mortegliano, Da Toni di Gradiscutta, Devetak di San Michele del Carso, Là di Moret di Udine, La Subida di Cormòns, La Taverna di Colloredo di M. Albano, Sale e Pepe di Stregna, Vitello d’Oro di Udine

Commenti (0)
Comment