Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Si è spenta Angelina Paolini

Attualità
11 ottobre 2020

L'addio di Campolongo alla sua centenaria

di Livio Nonis
Lo scorso maggio aveva festeggiato il traguardo del secolo di vita
CONDIVIDI
36455
Una foto di Angelina Paolini
Attualità
11 ottobre 2020 di Livio Nonis Image

A maggio, nonostante il covid-19, avevamo gioito e festeggiato con Angelina Paolini di Campolongo Tapogliano arrivata all’età di 100 anni, oggi invece siamo tristi: Angelina è tornata alla casa del padre.

Una vita lunghissima per la nonnina del paese che, con orgoglio, si vantava di essere nata nello stesso giorno di Papa Wojtyla, il 18 maggio 1920 (a Moimacco), terza di tre fratelli.

Nel 1944 ha sposato Corrado Cattarin e con lui ha sempre dimostrato grande attaccamento alla famiglia, sapendosi dividere tra il lavoro nei campi, casalinga e mamma, accudendo e facendo crescere i figli Ottorino (che ha vissuto con lei e negli ultimi anni l'ha accudita) e le gemelle Anna Rosa e Bianca Rosa. Anche in quiescenza non si è tirata indietro con i suoi obblighi “lavorativi”: l'orto è stata la sua passione oltretutto, e pochi lo sanno, il ricavato della vendita di uova, frutta e verdura lo consegnava al parroco di Campolongo affinché venisse destinato alle missioni in Africa.

Nell'ultimo viaggio terreno è stata accompagnata dai tre figli, dai nipoti e pronipoti Erica, Luca, Enrico, Caterina e Ludovica, oltre che da uno stuolo di conoscenti e amici; presente anche il sindaco Alberto Urban, e non ha voluto mancare neanche la presidentessa della sezione locale Auser, Lucia Avian, in quanto Angelina era stata la socia più longeva dell'associazione.

Nell'omelia il parroco don Franco Gismano ha ricordato la grande fede di Angelina che fino a quando il fisico l'ha sostenuta ha sempre presenziato alle funzioni religiose. Se ne è andata la più anziana del paese, che ci aveva detto: “Non posso morire, perché la gente mi vuol troppo bene”, ma ora che Angelina ci ha lasciato non mancherà mai la scintilla del volerle bene, una fiammella che non si spegnerà mai. 

Commenti (0)
Comment