Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Dopo l'incidente in handbike

Sport
20 agosto 2020

Ronchi in ansia per Zanardi

di Livio Nonis
L'incitamento dell'Acli cittadina rivolto sia all'atleta che ai suoi familiari
CONDIVIDI
35718
Maniago 2016: Alex Zanardi assieme a Marinella Ambrosio presidente regionale del FVG del comitato Paralimpico, un'ammiratrice e Fiorenzo Boscarol, fondatore dello Sci club ronchese
Sport
20 agosto 2020 di Livio Nonis Image

C'è apprensione anche nella famiglia del club sciistico ronchese dell'unione sportiva ACLI, per la lunga e travagliata degenza che Alex Zanardi sta vivendo, dall’incidente del 19 giugno scorso nei pressi di Siena, mentre con la sua handbike partecipava assieme ad altri atleti paralimpici a una manifestazione non competitiva.

“Ho avuto la fortuna di conoscere questo grande uomo e questo grande campione -  spiega Adriano Orsi - che dopo il terribile incidente occorsogli nella gara di Champ Car il 15 settembre del 2001 sul circuito di Lausitzring in Germania, malgrado l'amputazione delle gambe, non si è scoraggiato e non è mai uscito dal mondo dello sport, anzi con la sua inseparabile handbike è stato protagonista assoluto in tante manifestazioni, ha vinto una paralimpiade, otto titoli mondiali e nel 2016  anche la maratona di Roma”.

Il Club Csi Acli di Ronchi dei Legionari è vicino alla moglie Daniela e al figlio Niccolò e rinnovano con forza l'incitamento "Forza Alex... non mollare". 

Commenti (0)
Comment