Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Il 5 e 6 settembre

Turismo
25 agosto 2020

A Palmanova la rievocazione storica multi-epoca

a cura della redazione
Dalla Serenissima alla dominazione napoleonica: due giorni di esperienze guidate all’accampamento e alla città, nel rispetto della normativa anti covid
CONDIVIDI
35682
Rievocatori a Palmanova
Turismo
25 agosto 2020 della redazione

Sarà un tuffo nella storia della Fortezza di Palmanova al tempo della Serenissima Repubblica di Venezia e della dominazione napoleonica. Anche quest’anno si conferma, anche se con un programma necessariamente ridotto, la Rievocazione Storica “Palma alle Armi”, ribattezzata “Leone et Aquila” per sottolineare la presenza sia dei rievocatori di epoca secentesca che quelli ottocenteschi.

Il 5 e 6 settembre, nei pressi di Porta Cividale (via Vallaresso), i visitatori potranno ripercorrere la vita delle guarnigioni e delle truppe assedianti, gli addestramenti di artiglieri, moschettieri e soldati, i duelli di spada, il campo delle milizie e dei popolani, le tradizioni e i mestieri, la cucina, la sartoria e il vivere comune dell’epoca.

Due giorni di esperienze guidate all’accampamento e alla città, musiche e danze, addestramenti, per conoscere la storia della città Fortezza di Palmanova tra il Seicento e Ottocento.

“Rinviato per quest’anno al prossimo aprile il tradizionale grande appuntamento con la Rievocazione Storica, che nel 2020 sarebbe stata la più grande di tutta Europa, abbiamo deciso di mantenere l’appuntamento con il primo fine settimana di settembre, proponendo una versione ridotta della manifestazione, nel rispetto delle normative anticontagio e con spettatori ad accesso contingentato. Abbiamo comunque cercato di mantenerne lo spirito e la rigorosa qualità di ricostruzione storica”, commentano il sindaco Francesco Martines e il presidente del Gruppo Storico di Palmanova, Andrea Malisan.

“Nei limiti imposti dal particolare momento – aggiunge la vicesindaco Adriana Danielis – abbiamo deciso di valorizzare al massimo gli aspetti legati alle due fasi storiche della fortezza e alla loro conoscenza. Punti forti delle due giornate saranno il ricco percorso che si snoda in veri e propri spazi didattici all’interno dei due accampamenti, con una zona dedicata all’addestramento delle truppe venete e francesi e i numerosi tour di visite guidate alla città e alle fortificazioni, patrimonio UNESCO. Gli ospiti potranno assaporare da vicino la vita dell’epoca nelle sue diverse espressioni ed usanze. Nella giornata di domenica all’interno della polveriera è previsto un programma dedicato alla musica rinascimentale e barocca che si concluderà con un saggio finale nel tardo pomeriggio”. 

Le regole di prevenzione e per il contenimento del rischio sanitario prevedono che gli eventi siano a spazio delimitato con una capienza massima di accesso. L’entrata al pubblico sarà collocata all'altezza della polveriera napoleonica di contrada Garzoni, con uno spazio di informazione sui due giorni. Sarà garantito il rispetto delle linee guida nazionali e regionali in materia di prevenzione del contagio previste per le varie tipologie di eventi.

Tra i gruppi storici presenti, tutti italiani e locali, legati al XVII Secolo, il Gruppo Storico città di Palmanova, l’Associazione Culturale Ricostruendo, il Borgo del Diavolo, la Compagnia d’arme Malleus, la Compagnia d'Arme Strategemata, la Compagnia della Fenice, la Compagnia Panizzoni, il Gruppo Storico "La Fortezza", le Picche Mercenarie Friulane e la Principesca Contea di Gorizia. Dedicate alla rievocazione del XIX Secolo, il 113ème Régiment d'Infanterie de Ligne e k.k. I.R.26 "Hohenlohe" - A.N.I. Come gruppi musicali saranno presenti i Modi Versus e l’Ensemble Super Flumina Babylonis.

Commenti (0)
Comment