Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Oltre 400 studenti in visita

Attualità
20 gennaio 2014

Udine, l'orto botanico guarda al futuro

a cura della redazione
Attivati nove tirocini con l'Università. In fase di realizzazione la rete wireless e una webcam.
CONDIVIDI
3753
L'orto botanico di Udine
Attualità
20 gennaio 2014 della redazione

Nove tirocini formativi da aprile 2013 con l’Università di Udine, per una media di 250 ore di tirocinio a testa; oltre 400 allievi degli Istituti superiori Marinelli, Copernico, ITA  di Pozzuolo, ITA di Cividale, Liceo per le Scienze applicate dell’Istituto Malignani negli ultimi due anni scolastici; laboratori di scienze legati all’insegnamento di Botanica e Genetica; una mostra micologica in collaborazione con il Centro Micologico udinese che ha attirato nell’arco di tre giornate oltre 500 visitatori; oltre mille le specie poste in semina nel corso dell’anno passato. Sono questi i numeri del bilancio dell’attività dell’Orto botanico friulano, reso noto dal curatore, Michele Fabbro che annuncia Convenzioni in corso di perfezionamento per le future attività di stage a favore di studenti di scuole superiori.

 

Sono stati implementati, oltre alle collezioni di Iris e Triticum, anche gli spazi destinati ad orto didattico per la conservazione e divulgazione delle piante orticole-frutticole friulane, inoltre è stato completato l’impianto di irrigazione interrato per l’automatizzazione delle operazioni irrigue e per una migliore gestione delle piante. In fase di ultimazione le aree dove si terranno le riproduzioni di ambienti naturali tipici del Friuli (ambito di magredo e ambito di duna). Rafforzato anche il versante tecnologico: in collaborazione con il servizio informatica della Provincia di Udine è stata installata la fibra ottica ed è in corso di realizzazione una rete wireless all’interno dell’Orto e l’installazione di una webcam sulle aree esterne.

 

L’Orto botanico rappresenta anche un volano per l’occupazione. “A dicembre – dichiara l’assessore provinciale Leonardo Barberio – abbiamo selezionato, grazie a fondi regionali, 2 LSU (lavoratori socialmente utili) che prenderanno servizio a gennaio uno e l’altro a marzo, per la durata di 52 settimane e in precedenza, anche attraverso fondi provinciali, abbiamo dato chance reddituali ad altri LSU e anche ad extracomunitari retribuiti mediante voucher”. Inoltre, da dicembre ha preso servizio un altro lavoratore grazie ad un finanziamento europeo nell’ambito del progetto “Heritaste – Le vie dei Saperi e dei Sapori” che vede l’amministrazione provinciale lead partner con l’obiettivo di realizzare entro fine ottobre attività di studio, promozione e divulgazione di piante orticole e frutticole autoctone. In questo momento, complessivamente, risultano al lavoro all’Orto botanico 6 persone.

 

Il Comitato tecnico scientifico dell’Orto, a seguito dell’istituzione del regolamento di funzionamento da parte del Consiglio provinciale, si è riunito a gennaio dello scorso anno per la prima volta. In aprile è stata creata l’Unità operativa in seno al Servizio agricoltura, attività produttiva dell’area lavoro di Palazzo Belgrado.

 

Commenti (0)
Comment