Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

In memoria di Carla Gasparini

Attualità
30 luglio 2020

Trieste premia gli studenti meritevoli

a cura della redazione
Tutti indirizzati a universitari della Facoltà di Lettere, dal valore di 1.700 euro ciascuno
CONDIVIDI
35288
I tre studenti premiati
Attualità
30 luglio 2020 della redazione

Si è tenuta oggi nella Sala Cammarata dell'Università di Trieste, la cerimonia di assegnazione del Premio "Carla Gasparini" agli studenti e alle studentesse più meritevoli.

Il Premio nasce da una collaborazione tra il Comune di Trieste e l'Università, finalizzato alla assegnazione di alcuni premi di studio in esecuzione delle volontà testamentarie della signora Carla (“Lina”) Gasparini, triestina deceduta nel 1961, che studiò Letteratura italiana e Storia dell’arte presso l’Università di Roma e collaborò con diverse riviste per pubblicazioni di tipo storico e letterario.

Carla Gasparini nelle disposizioni testamentarie dispose un lascito di circa 26.000 euro al Comune di Trieste per borse di studio a favore di studenti o studentesse triestini meritevoli della “Facoltà di Lettere” (ora Dipartimento di Studi Umanistici). Il bando prevede la messa a concorso di tre premi di studio ogni anno, a partire dall’anno 2019, fino ad esaurimento dell’ammontare totale del lascito testamentario.

I premi, ognuno dell’ammontare di 1.700 euro, sono indirizzati a studenti o studentesse nati o residenti nel Comune di Trieste. Due premi vanno agli iscritti al 2° anno ai corsi di laurea Triennale in: Lingue e Letterature straniere; Lettere Antiche e Moderne, Arti, Comunicazione; Discipline storiche e filosofiche. Un premio è invece per gli iscritti ai corsi di laurea Magistrale in: Lingue, Letterature straniere e Turismo Culturale; Filosofia; Studi Storici dal Medioevo all’età contemporanea.

Le modalità per la destinazione dei premi di studio sono state concordate con il Dipartimento di Studi Umanistici e condivise con il Comune di Trieste.

Vincitori del premio di quest'anno sono: Alice Panozzo, Matteo Pribaz e Filippo Vigini.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nata a Trieste il 25 maggio 1898 da famiglia proveniente da Mariano del Friuli, compì i primi studi al “Liceo Femminile” triestino, purtroppo interrotti a causa dello scoppio della Prima guerra mondiale e del trasferimento a Roma con la madre. Nella capitale frequentò l'Università, senza potersi iscrivere ai corsi di letteratura italiana e di storia dell'arte e già allora cominciò a scrivere d'arte, appassionandosi alle chiese romane. La sua vita la portò a viaggiare molto e a perfezionarsi nell'inglese, francese, tedesco e spagnolo dandole l'opportunità di svolgere una feconda attività anche di traduttrice. Carla Gasparini ebbe una particolare passione per gli studi di storia patria, divenendo una delle più profonde conoscitrici della Trieste storica, artistica e culturale, cui dedicò la sua opera più appassionata curando anche l'inventario delle opere d'arte per le province di Udine e di Trieste. Oltre ad innumerevoli articoli, ricerche e dissertazioni storiche ebbe una fattiva collaborazione con Radio Trieste e con la “Società di Minerva”, una delle più antiche associazioni culturali d'Italia e la più antica di Trieste, istituita nel 1810 da Domenico Rossetti. Istituì questo lascito proprio per aiutare gli studenti a iscriversi e frequentare l’Università. Morì nel settembre del 1961.

Commenti (0)
Comment