Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Progetto Dai e Vai

Società
23 luglio 2020

"Grazie per averci insegnato l'importanza dei piccoli gesti"

a cura della redazione
Gli studenti dell'Uccellis di Udine scrivono una lettera alle persone con disabilità con cui hanno condiviso un progetto interrotto dall'emergenza Covid
CONDIVIDI
35139
Foto di repertorio del progetto Dai e Vai
Società
23 luglio 2020 della redazione

Il Covid ha interrotto bruscamente anche il progetto “Dai e Vai”, ma non le amicizie nate sul campo tra persone con disabilità e studenti, che ringraziano gli amici per avergli insegnato tante cose, tra cui l’importanza dei piccoli gesti.

“Un’esperienza unica grazie ad amici che resteranno nel cuore e che ci hanno insegnato molte cose, tra cui l’importanza dei piccoli gesti”, queste le parole che Nicol, Agnese e Chiara, studentesse del Liceo delle Scienze Umane dell’Uccellis di Udine, hanno voluto indirizzare alle persone con disabilità della Comunità del Melograno e di Oltre lo Sport con cui hanno condiviso il progetto “Dai e Vai: Sport, Inclusione, Integrazione, Socialità”.

L’iniziativa, giunta alla 14^ edizione e promossa dal Comitato Sport Cultura Solidarietà, coinvolge studenti e persone con disabilità in attività formative ed educative a favore dell’integrazione e dell’inclusione sociale. Lo sport come strumento diretto, in grado di favorire non solo la reciproca conoscenza, ma anche lo sviluppo di abilità sociali e relazionali utili per la crescita di tutti i protagonisti. In veste di tutor gli studenti hanno avuto modo di affiancarsi alle persone con disabilità comprendendo le loro difficoltà, ma soprattutto valorizzando le loro doti e facendoli sentire protagonisti.

“Le parole delle studentesse ci emozionano, ma soprattutto ci confermano la bontà dell’iniziativa che si pone il duplice obiettivo di sensibilizzare i cittadini del domani alle tematiche della disabilità e dell’integrazione e al contempo favorire l’inclusione sociale delle persone con disabilità in un contesto ludico e familiare”, queste le parole di Giorgio Dannisi, responsabile organizzativo del progetto.

“Dare e ricevere”, questa la filosofia alla base di “Dai e Vai” che, grazie alla collaborazione dei professori Leonardo Esposito, Mauro Scopa e Antonio Tomè, si auspica possa riprendere il via nel corso del prossimo anno scolastico essendo inserito nel piano dell’offerta formativa e dell’alternanza scuola lavoro da numerosi istituti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'iniziativa, patrocinata dal Centro Servizi Volontariato FVG, coinvolge 10 istituti scolastici della provincia di Udine - IC I di Udine (capofila), IC II di Udine, Liceo “G. Marinelli” di Udine, ISIS “B. Stringher” di Udine, ISIS “R. D'Aronco” di Gemona del Friuli, ISIS “A. Malignani” di Udine, ITC “A. Zanon” di Udine, Educandato Uccellis di Udine, lC di Tricesimo e IC di Tavagnacco - le organizzazioni Onlus - “Comunità del Melograno”, “Insieme Si Può” e “Oltre lo Sport”.

Commenti (0)
Comment