Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Annunciati i vincitori

Cultura e Spettacolo
03 luglio 2020

Premio Luchetta, cerimonia in piazza a Trieste

a cura della redazione
Il primo fine settimana di ottobre nell'ambito del festival del giornalismo "Link"
CONDIVIDI
34772
La foto vincitrice scattata da Andrea Franzetta
Cultura e Spettacolo
03 luglio 2020 della redazione

Sarà Giovanna Botteri, presidente di Giuria, a consegnare personalmente i riconoscimenti ai vincitori della 17^ edizione del Premio Giornalistico internazionale Marco Luchetta, sabato 3 ottobre a Trieste, nell’ambito di Link, Festival del giornalismo 2020 in programma dal primo al 4 ottobre in piazza Unità d’Italia. «Sensibilizzare i cittadini, per non dimenticare le emergenze del mondo che non si sono arrestate con la pandemia di questi mesi, è l’obiettivo dell’edizione 2020 del Premio Luchetta – spiega Giovanna Botteri –. Gli indifesi hanno continuato a morire, non solo di coronavirus: fra questi innanzitutto i bambini, che restano i più indifesi. Guerre, conflitti e carestie si sono sommati drammaticamente alla diffusione del virus». 

«Siamo lieti di confermare che Link, Festival del giornalismo 2020 si svolgerà in presenza, se le condizioni sanitarie generali lo consentiranno come al momento pare, dal primo al 4 ottobre a Trieste – dichiarano Giovanni Marzini, Segretario di Giuria del Premio Luchetta, e Francesca Fresa, curatrice di Link Festival –. Poter contare sulla presenza di Giovanna Botteri in occasione della premiazione è motivo di gioia e orgoglio, così come poter riaprire, attraverso Link Festival, il nostro focus annuale legato all’attualità del pianeta, dal Covid alle tante emergenze che attraversano Paesi e popoli. Sarà bello poter condividere il lavoro, in sicurezza e ottemperanza delle norme, con il pubblico della città: un segnale di ripresa, speranza e ripartenza per tutti».

I reportage vincitori del Premio Luchetta 2020 testimoniano l’impegno di grandi firme internazionali, giornalisti che da molti anni sono in prima linea nelle trincee più calde del pianeta: a cominciare dalla rotta balcanica, sulla quale si sono incamminati, sfidando anche il covid 19, decine di migliaia di minorenni nell’ultimo anno. Niente sembra fermare queste schiere di giovani e giovanissimi, provenienti da Afghanistan, Pakistan, Siria e diretti in Europa: neppure il rischio di dover affrontare animali pericolosi e mine inesplose. Ce lo ricorda il servizio della giornalista Sara Giudice di La7 – Piazza Pulita, che vince la 17^ edizione del Premio Luchetta nella categoria Tv News

Nella sezione reportage vince il Premio Luchetta 2020 il filmaker pakistano Adnan Sarwar: a lungo impegnato in Iraq per l’esercito britannico, Adnan Sarwar è un volto noto al grande pubblico anglofono per aver diretto e interpretato vari documentari e “biopics” diffusi dalla tv britannica. Per Channel 4 ha firmato un intenso reportage dal ghetto nero di Cape Flats a Città del Capo, Sudafrica, raccontando in particolare la storia dell'undicenne Mariezaan, già a capo di in una gang di ragazzini nel quartiere in cui 279 bambini sono rimasti uccisi solo nell'ultimo anno. 

Per la stampa italiana il Premio Luchetta va al giornalista Nello Scavo, che su Avvenire ha raccontato la storia del bimbo ivoriano Simba, sopravvissuto ai campi libici, soccorso dalla nave Mare Jonio di Mediterranea nell’agosto 2019 e quindi approdato a Torino insieme alla madre.

Per la stampa internazionale vince la 17^ edizione del Premio Luchetta il giornalista Antonio Pampliega che ha firmato per El Independiente un’emozionante corrispondenza sulle spose bambine in Afghanistan: meri oggetti con altissimo valore economico, condannate come criminali dalla giustizia e dalla società quando fuggono da casa per evitare il matrimonio forzato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Infine, per la sezione fotografia il Premio Luchetta 2020 va ad Andrea Frazzetta che sul New York Times ha pubblicato gli scatti del reportage dalla costa inondata del Bangladesh, sulle rive del Golfo del Bengala, dove anche i bambini si arrangiano a scavare mattoni per poi rivenderli sul ciglio della strada.

Il Premio giornalistico internazionale Marco Luchetta è stato istituito nel 2004 dalla Fondazione Luchetta Ota D’Angelo Hrovatin con la RAI, ed è organizzato da Prandicom

Commenti (0)
Comment