Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Nuova ordinanza di Fedriga

Attualità
03 giugno 2020

Ufficiale, in FVG cessa l'obbligo di mascherina all'aperto

a cura della redazione
A condizione di rispettare le distanze di sicurezza con le persone non conviventi. Via libera a sagre e fiere
CONDIVIDI
34344
Massimiliano Fedriga (ph. Regione FVG)
Attualità
03 giugno 2020 della redazione

Il governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga ha emanato l'ordinanza contingibile e urgente numero 16 (leggi il testo), recante ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19.

L'atto amministrativo, che avrà validità dal 4 al 30 giugno prossimi, dispone in particolare la limitazione degli obblighi di utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie, che non saranno più necessari all'aperto a condizione di rispettare continuativamente le distanze di sicurezza con le persone non conviventi. Sarà comunque necessario portare sempre con sé la mascherina o la protezione per naso e bocca, per poterla indossare all'occorrenza.

In conformità alle Linee guida approvate dalla Conferenza delle Regione e delle Province autonome e a quelle deliberate dal Friuli Venezia Giulia, viene inoltre consentita l'apertura delle seguenti attività: ristorazione, attività turistiche, strutture ricettive, servizi alla persona, commercio al dettaglio (ivi compreso quello su aree pubbliche), uffici rivolti al pubblico, piscine, palestre, manutenzione del verde, musei/archivi/biblioteche, strutture turistico-ricettive all'aria aperta, rifugi alpini, attività fisica all'aperto, noleggio veicoli e altre attrezzature, informatori scientifici del farmaco, aree giochi per bambini, circoli culturali e ricreativi, formazione professionale, cinema e spettacolo, parchi tematici e di divertimento, sagre e fiere, servizi per l'infanzia e l'adolescenza, strutture termali e centri benessere, professioni della montagna e guide turistiche.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'ordinanza apre infine alla permanenza nelle residenze universitarie da parte degli assegnatari di alloggi, limitatamente a comprovate esigenze legate allo studio o all'impossibilità di fare rientro presso le loro abitazioni.

Commenti (0)
Comment