Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Iniziativa del Comune

Cultura e Spettacolo
18 maggio 2020

Ronchi, la Villa Romana sbarca sul web

di Livio Nonis
Disponibile gratuitamente online il filmato realizzato per la realizzazione dell'Antiqurium
CONDIVIDI
34096
Cultura e Spettacolo
18 maggio 2020 di Livio Nonis Image

In linea con quanto promosso dal Ministero dei beni culturali in riferimento alla bellezza del patrimonio culturale italiano attraverso dei tour virtuali, anche l’assessorato alla cultura del Comune di Ronchi dei legionari approda nel web.

“L’idea di esplorare da casa il nostro complesso archeologico ha suscitato in noi l’input per conoscere il DVD creato in occasione dell’apertura dell’Antiquarium nel 2012”, spiega l’assessore alla cultura, Mauro Benvenuto.

Il complesso archeologico venne individuato alla fine degli anni Ottanta del secolo scorso in seguito a lavori per l’acquedotto e fu messo in luce e restaurato nel corso di diversi interventi, fino al 2007. Le strutture appartengono a una villa rustica di età romana – di cui è stata scavata solo la porzione orientale, poiché la restante parte ricade nello spazio demaniale dell’adiacente aeroporto – edificata e ristrutturata in più fasi, tra la metà del I secolo a.C. e il III secolo d.C., e infine distrutta da un incendio.

“Accedendo dal sito del Comune, alla sezione Villa Romana – precisa l’assessore – nella pagina principale ci si immerge nel coinvolgente filmato Luoghi di vita rurale. La villa romana di Ronchi dei Legionari, realizzato grazie a un progetto co-finanziato dall’Unione Europea e realizzato nel 2011 dal Comune in collaborazione con soprintendenza per i Beni archeologici del Friuli Venezia Giulia. Per la riproduzione nel web devo ringraziare per la disponibilità Simonetta Bonomi, la sopraintendente per l’archeologia, le belle arti e il paesaggio del Friuli Venezia Giulia. Inoltre un ringraziamento doveroso al nostro personale dell’ufficio informatico che come ogni volta ci supporta nelle iniziative”.

Commenti (0)
Comment