Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Sperimentazioni in corso

Cultura e Spettacolo
05 maggio 2020

Come sarà il teatro dopo il Covid-19?

di Margherita Reguitti
Claudio Simeone lancia la rassegna via zoom, con la possibilità per il pubblico di dialogare con gli attori al termine della rappresentazione. Sarà questo il futuro?
CONDIVIDI
33924
Ascanio Celestini
Cultura e Spettacolo
05 maggio 2020 di Margherita Reguitti Image

Come sarà il teatro dopo il Covid-19? Sarà vivo e sorprendente in rete, con attori e pubblico che assieme sperimentano un nuovo modo di recitare e partecipare.

Una prima sperimentazione in questo senso la propone “A teatro! A teatro!”, cartellone di quattro serate di dialogo tra altrettanti artisti importanti del panorama nazionale e un gruppo scelto di spettatori, collegati in diretta in rete sulla piattaforma Zoom.

Un progetto che nasce a Brescia ma al quale partecipano in streaming anche spettatori dal Friuli Venezia Giulia e dalla Slovenia. Ideatore è Claudio Simeone, organizzatore di rassegne teatrali connotate da spirito pionieristico e di sperimentazione. Dopo i primi due spettacoli con Andrea Cosentino e Arianna Scommegna, l’11 maggio sarà in scena Ascanio Celestini, mentre il 18 toccherà a Eugenio Allegri concludere il ciclo. Il sipario si apre alle 21, come nella miglior tradizione.

In programma monologhi centrati su riflessione e interrogativi sui tempi che viviamo, intervallati da brani di repertorio. Collegato in diretta in dialogo hic e nunc dagli schermi dei propri pc, smartphone o altro strumento, il pubblico segue, vede e viene visto dall’attore/attrice. Ma non finisce qui: quando cala il sipario, il teatro si trasforma in salotto e si inizia a dialogare, a scambiarsi opinioni, emozioni, sensazioni.

“Lo spunto per il titolo della rassegna, realizzata in collaborazione con l’associazione Cicogne Teatro, viene da Cechov. A Mosca! A Mosca!, si augura Irina – spiega Claudio Simeone – agognando di rompere così la monotonia triste della sua vita in campagna. Così noi percorriamo nuove vie per scrollarci dalla necessaria clausura da virus con A teatro! A teatro! Stiamo vivendo una situazione mai pensata prima, che ci obbligherà ancora per molto a una distanza tra noi e gli altri. La nostra vita cambia e si cercano possibilità nuove di comunicare, e così il mondo dello spettacolo si attrezza cercando nuove possibili interazioni ma anche mettendo a disposizione in streaming registrazioni di repertorio o contributi appositamente realizzati”.

Ottimo il riscontro del pubblico che assiste a titolo gratuito: spettatori provenienti da diverse regioni italiane, da Milano a Napoli, da Brescia a Gorizia, e anche dalla Slovenia. In tutto una cinquantina a condividere l’emozione della prima volta con l’attore Andrea Cosentino, mettendosi in gioco nello scambio di opinioni e emozioni. La serata si è conclusa con un partecipato brindisi al nuovo che avanza, portato dalla cultura.

Aggiornamenti e informazioni sulla pagina Facebook Ateatroateatro.

Commenti (0)
Comment