Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Svolta in modo simbolico

Attualità
03 maggio 2020

Joannis, il Covid-19 non ferma la festa dei diciottenni

di Livio Nonis
Rispettando tutte le limitazioni imposte dalla legge, i ragazzi del 2002 hanno ugualmente celebrato la ricorrenza
CONDIVIDI
33917
I nomi dei cinque neo diciottenni
Attualità
03 maggio 2020 di Livio Nonis Image

Il Covid-19 ferma l'Italia ma non le tradizioni. A Joannis di Aiello del Friuli è una tradizione la "festa del Maj" che si perde negli anni: in occasione del primo sabato di maggio veniva organizzata la festa dei neo diciottenni, ragazzi e ragazze che hanno raggiunto la maggiore età, e nel periodo del servizio militare la classe di "leva".

Neanche quest'anno si è voluto perdere questa usanza, con qualche modifica… Rimanendo comunque vincolati alle mascherine e alla distanza sociale, la tradizione è andata avanti.

Tutto si è limitato al taglio del "Maj" (un albero di quercia) che è stato sistemato in piazza di fronte alla chiesa dedicata a Sant'Agnese, sul cui tronco sono stati posizionati dei cartelli con scritti i nomi dei neo diciottenni: Beatrice, Massimiliano, Lorenzo, Giulio ed Enrico.

La tradizione avrebbe voluto che la classe di quest'anno, quella del 2002, la sera invitasse a cena le classi del 2001 e del 2003 (i neo maggiorenni dell’anno precedente e del prossimo), con l’attesa notte dei messaggi, momento in i ragazzi avrebbero scritto durante la notte dei messaggi di fronte alle abitazioni dei personaggi più rappresentativi e particolari del paese: scritte scherzose che l’indomani sarebbero state lette da tutto il paese.

Con rammarico per aver dovuto giocoforza limitare la festa, si è comunque voluto continuare la tradizione, seppure in forma ristretta. Con l’auspicio che il prossimo anno si possa organizzare una festa doppia, recuperando anche quella parte che doverosamente quest’anno si è dovuta limitare.

Commenti (0)
Comment