Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Decisione della Pro Loco

Turismo
10 aprile 2020

La Fiera dei Vini di Buttrio posticipata al 2021

a cura della redazione
La manifestazione enoica tra le più antiche in Italia si era fermata solo per la Seconda guerra mondiale
CONDIVIDI
33546
Villa di Toppo Florio a Buttrio durante le Fiera dei Vini 2019
Turismo
10 aprile 2020 della redazione

Appuntamento al 2021: la Fiera Regionale dei Vini di Buttrio, una tra le più antiche manifestazioni d'Italia in campo enoico (fermatasi precedentemente solo nell'anno 1945 in occasione della Seconda guerra mondiale) che era prevista per il primo weekend di giugno, vedrà la sua 88esima edizione svolgersi il prossimo anno a causa dell'emergenza Covid-19.

La Pro Loco Buri, dopo aver informato il Comune, ha deciso di non posticipare a un diverso periodo dell'anno l'evento, per non sovrapporsi ad altre manifestazioni che nei prossimi mesi potrebbero comunque svolgersi e anche per il 2021 sta valutando quali date siano migliori dialogando con il resto del panorama associativo cittadino.

"Abbiamo voluto - spiega il presidente della Pro Loco, Emilio Bardus - avvisare con una lettera tutti i volontari, gli enti, le istituzioni, gli sponsor e i collaboratori che in questi anni sono stati al nostro fianco, ringraziandoli e dando loro quello che è soltanto un arrivederci al prossimo anno. Anche se tutti abbiamo la speranza che a giugno la situazione sanitaria sia migliore, organizzare una manifestazione grande come la nostra comportava un intenso lavoro preparatorio nelle settimane precedenti: da qui la nostra scelta per il rinvio. Ma non ci sembrava allo stesso tempo giusto occupare le date di altre manifestazioni nel resto dell'anno come anche, in vista del 2021, stiamo lavorando per inserire l'edizione della Fiera nel suo periodo consolidato".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel frattempo la "macchina" del volontariato non si ferma. "Come Pro Loco - conclude Bardus - stiamo sostenendo la raccolta fondi per l'emergenza Covid-19 avviata dal Comune. Sui nostri canali comunicativi contribuiamo a tenere informata la popolazione e alcuni nostri volontari si stanno adoperando per il sostegno alle persone più fragili in questo periodo in cui è giusto rimanere in casa".

Commenti (0)
Comment