Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Traguardo speciale per Odilo Bergamasco

Attualità
03 aprile 2020

Medeuzza festeggia l'alpino centenario

di Livio Nonis
Parenti e amici hanno voluto auguragli buon compleanno collegati a distanza online
CONDIVIDI
33478
Odilo Bergamasco
Attualità
03 aprile 2020 di Livio Nonis Image

Il Coronavirus non ha fermato i festeggiamenti per l'alpino Odilo Bergamasco, uno dei più anziani della regione Friuli Venezia Giulia, che il 2 aprile ha festeggiato i suoi primi 100 anni di vita.

È nato a Medeuzza di San Giovanni al Natisone il 2 aprile 1920 (dove tuttora risiede), da una famiglia di contadini, quarto degli undici figli di Giuseppe Bergamasco e Amabile De Sabata (oltre a lui sono in vita ancora tre fratelli e una sorella).

Attorno a lui, collegati in modo virtuale, al computer o con l'ormai consolidato Whatsapp, i figli Eldo e Agostino, i nipoti Andrea, Giorgio, Giada, Eros e Greta, assieme a uno stuolo di pronipoti, Emanuele, Gabriele, Riccardo, Francesco, Samuel, Iris e Erica.

Odilo Bergamasco partecipò attivamente alla Seconda guerra mondiale essendo stato arruolato nel 8° reggimento alpini, battaglione Valnatisone. Era di stanza sul fronte greco-albanese con incarico di portare rifornimenti e viveri al fronte con le famose “carrette”. Il 2 di aprile del 1940, cioè esattamente ottant'anni fa, stava sbarcando a Valona e sul fronte festeggiò, per modo di dire, i suoi vent'anni, quello che doveva essere uno dei più bei momenti della vita, se non fosse stato vissuto in guerra.

A conflitto terminato, nel 1950, si sposa con Luigia Pizzutti, e quindi cresce la sua bella famiglia. Il suo mestiere è stato fino alla quiescenza quello di agricoltore e allevatore: negli anni settanta allevava anche tori per riproduzione, selezionati di razza pezzata rossa friulana e in quel periodo è stato assessore comunale di San Giovanni al Natisone, un uomo perciò dalle mille risorse.

Ora circondato dall’affetto dei cari sta trascorrendo la sua “vecchiaia”: per lui non esiste un elisir di lunga vita, ma nonostante tanto lavoro, sacrificio e acciacchi è riuscito a raggiungere questo traguardo. E noi gli auguriamo di poterne raggiungere ancora molti altri.

Commenti (0)
Comment