Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Trend positivo ma in decelerazione

Attualità
07 gennaio 2020

Export FVG, Udine traina la regione

di redazione (fonte Confindustria Udine)
Nei primi nove mesi del 2019 incremento tendenziale del 6%. Una crescita tripla rispetto alla media Nordest e oltre il doppio del dato italiano
CONDIVIDI
32215
Anna Mareschi Danieli
Attualità
07 gennaio 2020 di redazione (fonte Confindustria Udine)

Le esportazioni della provincia di Udine resistono alla fase di rallentamento della crescita globale, confermando il trend positivo, ma mostrano una decelerazione sia nei primi nove mesi dell’anno in corso rispetto allo stesso periodo del 2018, sia nel terzo trimestre del 2019 rispetto al primo semestre di questo anno.

Nel dettaglio, l’export udinese, secondo le elaborazioni dell’Ufficio Studi di Confindustria su dati Istat, nel terzo trimestre 2019 è cresciuto del +2,5% rispetto allo stesso trimestre del 2018, meno rispetto al primo semestre, quando si è registrato un aumento medio del +7,8% rispetto ai primi sei mesi dello scorso anno. Nel periodo gennaio-settembre 2019 le vendite all’estero hanno segnato un incremento tendenziale del +6%, inferiore alla variazione annotata nel 2018 rispetto al 2017, e pari al +10,4%.

“Nei primi nove mesi del 2019 – sottolinea Anna Mareschi Danieli, presidente di Confindustria Udine – le esportazioni della provincia di Udine hanno comunque registrato una crescita tripla rispetto della media del Nord Est (+1,9%) e oltre il doppio dell’Italia (+2,5%), passando da 4.450 a 4.719 milioni di euro. E la quota dell’export udinese su quella regionale (in FVG si è registrata una frenata nel periodo gennaio-settembre 2019, -7,2%, imputabile principalmente alla cantieristica; senza tale comparto si registra una crescita del +4,5%), si è attestata al 44,4%, superiore a quella delle altre province (Pordenone 27,9%, Trieste 20,5%, Gorizia 7,2%), e in crescita rispetto al 2018 (38,8%)”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La bilancia commerciale udinese si mantiene sempre positiva nei primi nove mesi, pari a 2.100 milioni di euro, in crescita del +25,4% rispetto allo scorso anno.

L’incremento delle esportazioni, nonostante il calo dei prodotti della metallurgia (-6,5%, da 1.342 a 1.254 milioni di euro), dei prodotti in metallo (-3,6%, da 460 a 444 milioni di euro), mobili (-3,7%, da 351 a 338 milioni di euro) ed elettronica e apparecchiature elettriche (-3,7%, da 304 a 293 milioni di euro), è dipeso dai risultati positivi dei macchinari (+37,3%, da 829 a 1.138 milioni di euro), prodotti alimentari (+3,7%, da 188 a 195 milioni di euro),  articoli in gomma e materie plastiche (+6,8%, da 180 a 192 milioni di euro) e prodotti chimici (+9,2%, da 129 a 141 milioni di euro).

L’analisi per mercato di sbocco evidenzia che la Germania, primo paese di destinazione dell’export con una quota pari al 16,1% del totale (in calo rispetto al 2018, 17,8%), registra nel periodo gennaio–settembre una diminuzione del -3,9%, da 792 a 761 milioni di euro.

Seguono Stati Uniti (+31,6%, da 296 a 389 milioni di euro), Austria (-11,5%), Francia (+6,4%), Spagna (+16%) e Regno Unito (+4,7%). In forte aumento le esportazioni in Cina (+35,2%), grazie soprattutto al contributo delle vendite di macchinari.

“Pur in una congiuntura complicata degli scenari internazionali, connotati da dispute commerciali, dazi, sanzioni e dalla Brexit – commenta Anna Mareschi Danieli – si conferma la straordinaria propensione all’export delle nostre imprese, che riescono ancora a crescere sui mercati esteri. Queste ottime performance, però, non riescono a compensare l’arretramento della produzione industriale, che quest’anno è destinata a chiudere in negativo, per la prima volta dal 2013”.

Commenti (0)
Comment