Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Progetto "Leonardo e i suoi multipli. L'Osservatore potente dei fluidi"

Cultura e Spettacolo
29 ottobre 2019

Tra Monfalcone e Trieste alla ricerca dell'acqua

a cura della redazione
Iniziate le riprese del film diretto dal giovane regista triestino Davide Salucci con un cast di giovanissimi attori. Il 15 dicembre la prima proiezione nel capoluogo bisiaco
CONDIVIDI
31512
Un momento delle riprese
Cultura e Spettacolo
29 ottobre 2019 della redazione

Sono iniziate le riprese del film Il Sogno dell’acqua, prodotto per il progetto Leonardo e i suoi multipli. L'Osservatore potente dei fluidi, dedicato alla figura di Leonardo Da Vinci nel cinquecentenario dalla morte. Un film che conduce a Leonardo osservatore di sé stesso oggi, tra reale e virtuale, diretto dal giovane regista triestino Davide Salucci, che proviene dal Centro Sperimentale di Roma e comprende un cast di giovanissimi attori, selezionati tra oltre 120 ragazzi, che si sono presentati ai provini.

Dal sapore magico fantastico, il film porrà lo spettatore davanti a una questione esistenziale e che fa molto riflettere: l’importanza dell’acqua. Improvvisamente un giorno non c'è più acqua, ognuno dei protagonisti pensa inizialmente sia un problema del condominio dove vivono, ma nello svolgersi della storia, si scoprirà invece essere un problema dell'intero pianeta terra, e solo la risoluzione di un indovinello, un rebus – di quelli che Leonardo Da Vinci era solito porre – potrà, forse, dare una risposta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo il primo ciak al Palazzetto dello Sport di Monfalcone con gli studenti dell'I.S.I.S. Michelangelo Buonarroti, la troupe si sposterà a Trieste in diverse location e a seguire anche in Slovenia.

La proiezione del film è programmata per domenica 15 dicembre al Teatro Comunale di Monfalcone alle ore 16. Data in cui è previsto anche l'incontro aperto al pubblico con i protagonisti e gli autori. Farà seguito una seconda data a Capodistria, mercoledì 8 gennaio alle ore 18, alla Galleria Loggia delle Obalne Galerije.

Il progetto è ideato e diretto dall'artista Lorena Matic, promosso dall'Associazione culturale Opera Viva e si realizza grazie alla Regione Friuli Venezia Giulia - Assessorato alla Cultura con la collaborazione di Comune di Trieste; Comune di Monfalcone; Comune di Udine; Comune Città di Capodistria; Obalne Galerije Piran; CAN Comunità autogestita della Nazionalità Italiana Pirano; INAF Osservatorio Astronomico di Trieste; OGS Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale; Fondazioni Casali; Accademia di Belle Arti G.B. Tiepolo Udine; Bonawentura - Teatro Miela; ZKB; RTV Slovenija – Radio TV Koper Capodistria.

Commenti (0)
Comment