Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Intesa di durata quadriennale

Cultura e Spettacolo
23 ottobre 2019

Monfalcone e Venezia diventano partner di promozione culturale

di redazione (fonte Comune di Monfalcone)
Grazie all'accordo il Comune bisiaco e la Fondazione Musei Civici del capoluogo veneto promuoveranno le rispettive sedi museali attraverso apposite iniziative culturali
CONDIVIDI
31468
Luca Fasan e Anna Maria Cisint durante la conferenza stampa
Cultura e Spettacolo
23 ottobre 2019 di redazione (fonte Comune di Monfalcone)

Il Comune di Monfalcone ha approvato la delibera per la firma di un protocollo d’intesa con la Fondazione Musei Civici di Venezia. L'accordo di durata quadriennale è finalizzato a promuovere le rispettive sedi museali e l’attività culturale e scientifica a esse correlate. Le linee d’intervento sono state presentate durante una conferenza stampa dal sindaco di Monfalcone Anna Maria Cisint e dall’assessore alla Cultura Luca Fasan.

“Nell’ambito delle azioni strategiche avviate per il triennio 2019-2021 finalizzate a rivitalizzare gli spazi espositivi museali per renderli centri di attrazione e produzione culturale – ha affermato Cisint – e considerati i comuni obiettivi del Comune di Monfalcone e della Fondazione, abbiamo definito questo importante accordo per avviare un percorso virtuoso a vantaggio culturale e morale delle rispettive comunità, ma anche di un pubblico nazionale e internazionale e dei flussi turistici collegabili”.

“Tra le linee di intervento principali dell’accordo – ha spiegato Fasan, sottolineando che il protocollo d’intesa non comporta obblighi sulla programmazione degli Enti coinvolti che rimane completamente autonoma – lo sviluppo di progetti che valorizzino i legami tra gli ambiti culturali che caratterizzano le due reti museali (per Monfalcone la Galleria Comunale d’Arte Contemporanea e il MuCa-Museo della Cantieristica) e i territori di riferimento attraverso la realizzazione di iniziative culturali di varia tipologia, anche espositive”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel protocollo è previsto l’eventuale scambio di materiali pertinenti ai rispettivi patrimoni storico-artistici; la condivisione metodologica e la progettazione coordinata di esperienze nell’ambito della formazione professionale e di coinvolgimento dei territori; l’impegno di ciascuna delle parti alla realizzazione di coordinati piani di comunicazione/informazione.

Commenti (0)
Comment