Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

A cinque anni dalla scomparsa

Cultura e Spettacolo
14 ottobre 2019

La bassa friulana ricorda Ossi Czinner

di redazione (fonte Cervignano Nostra)
A Ruda e Cervignano in programma la proiezione del docufilm realizzato dal regista Piero Tomaselli che ripercorre la vita dell'artista
CONDIVIDI
31369
Ossi Czinner (ph. CRAF)
Cultura e Spettacolo
14 ottobre 2019 di redazione (fonte Cervignano Nostra)

Sono passati cinque anni dalla scomparsa dell’artista, scultrice e grafica di fama internazionale Ossi Czinner. Un personaggio che aveva scelto Villa Antonini Belgrado a Saciletto di Ruda per fondare il “Centro internazionale di grafica”. Da qui l’intuizione del registra Pietro Tomaselli di renderle omaggio attraverso la realizzazione di un docufilm che verrà presentato e proiettato su maxischermo venerdì 18 ottobre alle 18 all’Azienda Agricola Il Vecchio Granaio (via dei Sospiri, 2), proprio a Saciletto (in caso di maltempo Sala Consiliare del Municipio di Ruda).

Ossi – Rosetta all’anagrafe – Czinner (1924-2014), figlia di un ricco banchiere ungherese e di una colta nobildonna austriaca, nipote del grande regista espressionista Paul Czinner, nel 1969, dopo circa 20 anni passati a Roma, acquistò Villa Antonini Belgrado a Saciletto e fondò il “Centro internazionale di grafica”, inaugurato il 20 settembre del 1970, sotto la direzione del pittore triestino Federico Righi, suo sodale e compagno di vita.

Scultrice (allieva di Marcello Mascherini), pittrice, grafica di vocazione mitteleuropea e di fama internazionale, poliglotta e cosmopolita, il documentario di Piero Tomaselli ne ripercorre la vita e la carriera artistica, ascoltando la sua voce ma anche quella di amici, esperti e storici.

I debiti, le difficoltà economiche, la malattia, insieme alle tante vicende giudiziarie e alle condizioni sempre più fatiscenti di Villa Antonini hanno segnato l’ultima parte della parabola umana di Ossi fino al fatidico 2014, anno della sua scomparsa, avvenuta nel pressoché totale silenzio degli organi di stampa e del mondo dell’arte.

Il prodotto cinematografico ha visto il sostegno e supporto per la sua realizzazione, oltre che della Fondazione Friuli e di iMagazine, anche del Comune di Ruda.

"Ci siamo sempre riproposti – afferma il sindaco di Ruda, Franco Lenarduzzi – di focalizzare le risorse culturali del nostro comune. Ossi Czinner, artista a tutto tondo, dal fine pensiero e dall’umana fragilità, e Federico Righi, suo compagno, sono due artisti fin troppo spesso dimenticati, così come la villa che li ha ospitati. Purtroppo è mancato il riconoscimento culturale che avrebbe dovuto spettare loro in vita, così come la cura dovuta a un bene prezioso come la villa di scuola palladiana che tuttora versa in precarie condizioni e merita urgenti interventi di recupero e restauro. Una struttura bellissima e dalle grandi potenzialità, il cui recupero permetterebbe di dare lustro all’intera Saciletto. Speriamo che anche questo documentario aiuti il difficile percorso intrapreso dal Comune per evidenziare e salvare il pregiato complesso edilizio”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alla proiezione, oltre al primo cittadino di Ruda, saranno presenti Francesca Agostinelli, critica d’arte, Adriana Miceu, memorialista locale, e Michele Dissabo, artista locale, introdotti da Michele Tomaselli, presidente “Cervignano Nostra”, produttrice del documentario: “Vogliamo rendere omaggio a questa artista – spiega Michele Tomaselli – che con la sua arte ha dato lustro al territorio. Il nostro obiettivo è ricordare e divulgare l’opera di Ossi ma soprattutto contribuire a sbloccare la situazione burocratica legata alla proprietà che impedisce il recupero tipologico di Villa Antonini Belgrado, con l’obiettivo che possa essere acquistata e riqualificata da qualche investitore privato o pubblico prima che venga persa per sempre sotto i colpi del tempo e dell'abbandono”.

Il documentario (guarda il trailer), della lunghezza di circa 40 minuti, vede alla regia Piero Tomaselli, alle riprese Marco Iacobelli, all’organizzazione Michele Tomaselli, alla musica Pierpaolo Grego e l’amichevole partecipazione di Francesca Agostinelli, Carlo Scala, Michele Dissabo, Franco Lenarduzzi, Melania Lunazzi, Adriana Miceu, Stefano Perini.

Il Docufilm sarà presentato anche al Cervignano Film Festival, il 26 ottobre alle ore 16.

 

Il regista Piero Tomaselli nasce nel 1974 in provincia di Udine. Tra i suoi lavori il mockumentary situazionista Simone Lecca e il Cinema (dell’) In-Visibile (2004-2009) con Enrico Ghezzi, Moni Ovadia, Gianmarco Tognazzi e il mediometraggio Lintver (2006) con la colonna sonora di Elisa. Nel 2009 scrive e realizza il film indipendente Velma, tra i film più premiati dell’anno. Nel 2010 è invece il co-autore del montaggio del documentario The Earth: our home, musicato da Ennio Morricone (Globo D’Oro 2011).

Commenti (0)
Comment