Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Al posto degli attuali semafori

Attualità
17 settembre 2019

Ruda, fra un anno la nuova rotatoria

di Livio Nonis
Lunedì incontro pubblico in municipio per presentare il progetto di fattibilità tecnica ed economica. Il sindaco Lenarduzzi: "Tutte le località comunali saranno più unite"
CONDIVIDI
31075
L'attuale semaforo (ph. Livio Nonis)
Attualità
17 settembre 2019 di Livio Nonis Image

Entro il prossimo anno i semafori dell’incrocio tra la strada regionale 351 e la  strada provinciale 30 in comune di Ruda potrebbero essere un ricordo.

Procede infatti la tabella di marcia per la realizzazione della nuova rotatoria, come da delibera del Consiglio Comunale n. 11 del 3 maggio 2019 con la quale veniva approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica dell’intervento.

“È motivo di grande soddisfazione – afferma il sindaco di Ruda, Franco Lenarduzzi – essere riusciti a far inserire nella programmazione regionale questa importante opera pubblica. Le condizioni di sicurezza in quell'incrocio sono assicurate dai semafori, ma data l'importanza dell'intersezione e spesso l'incauta velocità, le incidentalità sono sempre tropo elevate".

Il progetto di fattibilità tecnica ed economica per la realizzazione, redatto dall’ingegner Federico Olivotti e dall'ingegner Alessandro Gregorig dello studio Cappella SRL di Gorizia è già in atto. Lunedì 23 settembre alle ore 18 nella Sala del Consiglio del Comune di Ruda si presenteranno le impostazioni del progetto che, se non ci sono intoppi, vedrà attuazione già il prossimo anno.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Ritengo – aggiunge il primo cittadino – che quest'opera abbia anche una valenza simbolica e vada considerata quasi una cerniera che unisce le località del comune di Ruda. La barriera di una strada trafficata e molto pericolosa dissuade a intraprendere con leggerezza la percorribilità. Ha sempre fisicamente un po' diviso ciò che stava di qua e di là. Grazie alla messa in sicurezza sarà più facile poter pensare il territorio come a un unicum, senza quel taglio così forte della strada”.

Commenti (0)
Comment