Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Mitteleuropean Race

Sport
03 giugno 2019

Sulle strade del FVG con il pilota che salvò Lauda

di redazione (fonte Mitteleuropean Race)
Anche Arturo Merzario alla manifestazione dedicata alle auto storiche, impegnate in un tracciato che ha toccato Trieste, Grado, Aquileia, Palmanova, Cividale, Clauiano e Strassoldo
CONDIVIDI
29882
L'equipaggio vincitore
Sport
03 giugno 2019 di redazione (fonte Mitteleuropean Race)

Primo posto per Luca Patron e Massimo Casale su FIAT 514 Mille Miglia 1931, secondi Ezio Sala e Gianluca Cioffi su Lancia Aprilia 1938, terzi Tiziano Baldissera ed Edi Covaz su Lancia Fulvia Montecarlo 1972.

Sono i vincitori della Mitteleuropean Race, manifestazione dedicata alle auto storiche, impegnate in un tracciato che ha toccato Trieste, Grado, Aquileia, Palmanova, Cividale, Clauiano, Strassoldo e tanti punti del Friuli Venezia Giulia tra venerdì 31 maggio e domenica 2 giugno.

Oltre alla gara di regolarità superclassica, spazio anche alla parata di una decina di Alfa Romeso 4C e 4C Spider. 

Tra le auto più particolari presenti alla quarta edizione dell’ evento, due delle dieci FIAT 514 Mille Miglia costruite nel 1930, una Amilcar CGSS Siluro del 1926, una Mercedes SL 300 Ali di Gabbiano, una Aston Martin DB2 cabrio, una Porsche 356 Speedster, una Morris Cabrio del 1950 in arrivo dal Giappone. Tra i personaggi da rilevare la presenza di Arturo Merzario, campione del mondo più volte con Alfa Romeo, famoso anche per aver salvato Niki Lauda dall’incendio della sua Ferrari sul circuito di Nurburgring, Corrado Lopresto, il più grande collezionista italiano d’auto d’epoca, Miki Biasion, due volte campione del mondo di rally, Peter Rungaldier, campione di sci e ora golfista. 

La corsa è stata organizzata dall’ associazione Adrenalinika e ha attirato tanti appassionati, in particolare a Grado e a Trieste, dove un folto pubblico si è fermato ad ammirare le vetture, una cinquantina in tutto, curate in ogni minimo dettaglio e con equipaggi giunti in Friuli Venezia Giulia da tutto il mondo. 

Tra le chicche dell’edizione 2019 la prima gara di golf cart elettriche, al Golf club di Grado, che si è aggiunta ad altri appuntamenti, tra i quali la cena promossa dal Rotary Club, che ha visto anche Miki Biasion presentare il suo libro “Rally… avventura senza tempo”. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La manifestazione è entrata nel vivo nel fine settimana. Sabato 1 giugno partenza delle auto da piazza della Borsa a Trieste e arrivo davanti al Municipio di Grado, per proseguire nel pomeriggio sulle strade di Aquileia, Strassoldo, Palmanova e del Collio, con rientro a Trieste in serata. Cena di gala al Savoia Excelsior Palace, e domenica 2 partenza sempre dal centro per ripercorrere la famosa Trieste Opicina, prima del Collio e dell’ Abbazia di Rosazzo, Tenuta Livio Felluga con il pranzo e la visita alla cantina, e ancora direzione Golf Club di Grado con l’arrivo davanti al municipio della località balneare. 

Spazio anche alla solidarietà, l’evento ha sostenuto il progetto “Dopo di noi”, promosso dal Rotary International, a favore dei disabili. In questa edizione sono stati anche coinvolti gli studenti dell’ Enaip, con una trentina di allievi dei corsi di meccanica che hanno visionato da vicino i vari modelli storici presenti.

Info: www.mitteleuropeanrace.it

Commenti (0)
Comment