Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Operazione “Perniciosa Flagrantia”

Attualità
07 maggio 2019

Udine, smantellato contrabbando di pellet contraffatto

di redazione (fonte Guardia di Finanza)
Coinvolte 30 aziende: denunce e arresti. Sequestrati 3,5 milioni di euro
CONDIVIDI
29491
Attualità
07 maggio 2019 di redazione (fonte Guardia di Finanza)

Su ordine del Tribunale di Udine, le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Udine, unitamente ai Funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli del capoluogo friulano, hanno notificato l’Ordinanza di custodia cautelare che dispone la misura degli arresti domiciliari a carico di un imprenditore di Ivrea – dominus di un sodalizio criminale responsabile di una importante frode all’IVA attuata mediante il contrabbando per sottofatturazione di pellet contraffatto dall’Est Europa – e l’interdizione dall’esercizio d’impresa per altri due.

Contestualmente è stato eseguito, a carico degli 11 imprenditori coinvolti, il sequestro di beni e valori per 3,5 milioni di euro.

L’indagine era nata a inizio 2017, dalla lettura integrata, fatta da Guardia di Finanza e Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, di un anomalo flusso di combustibile legnoso, importato, nella piazza friulana, da due aziende locali, gestite da due cittadini russi, i trentottenni B.A. e N.S., trapiantati, da alcuni anni, a Udine. Dopo il sequestro di alcuni carichi di pellet, operato in più fasi presso gli spazi doganali del nord est per la contraffazione del marchio di certificazione di qualità, i Finanzieri del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Udine e i Funzionari del locale Ufficio delle Dogane hanno iniziato ad analizzare gli scambi commerciali della filiera di importazione e vendita del combustibile, individuandovi alcune sostanziali criticità che incidevano, sin dall’introduzione della merce in Italia, sulla determinazione e sul versamento dell’IVA e dei dazi doganali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ipotizzata la frode, è così partita l’operazione “perniciosa flagrantia”, che, coordinata dalla Procura della Repubblica di Udine, nella persona del Sostituto Procuratore Paola De Franceschi, ha visto Finanzieri e Doganieri ricostruire un articolato disegno criminale che, in pochi anni, ha sottratto alle casse dell’Erario circa 11 milioni di euro. Il meccanismo, architettato da cinque piemontesi, tra cui un commercialista, e dai due cittadini russi, prevedeva l’acquisto di pellet – e, poi, con altre società, di metalli e automobili – da alcune società dell’est Europa e, prima ancora dell’importazione in Italia, la contestuale rivendita ad altre due ditte “filtro”, create ad arte per assolvere agli obblighi doganali e, subito dopo, scomparire assieme all’ingente debito d’imposta maturato.

La ricostruzione della filiera illecita – effettuata grazie a indagini sia tecniche che finanziarie all’esame di numerosi apparati informatici e a complessi riscontri internazionali ottenuti, in Austria, Slovacchia e Slovenia, dove il gruppo aveva costituito società fittizie con lo scopo di aumentare i passaggi della filiera commerciale, grazie all’attivazione dello strumento dell’Ordine di Indagine Europeo – ha permesso di individuare il profitto illecito del gruppo criminale e di contestare una serie di altri reati, commessi principalmente dai due soggetti più attivi, C.N.M., eporediese di 65 anni, e T.B., vercellese di 50 anni, meglio noti come Iulian Monteanu e Firona Costea, i romeni titolari delle ditte “filtro” dei quali, contraffacendone i documenti di identità, avevano usurpato le generalità.

Grazie a questo artifizio, C.N.M. e T.B., presentandosi come i titolari delle due ditte, sono riusciti a confondere la catena degli approvvigionamenti e ad ottenere fidi bancari e conti correnti che, diversamente, non gli sarebbero mai stati concessi. In Dogana, infatti, i due finti romeni – che, pur senza averne i requisiti, figuravano “esportatori abituali” – provvedevano a perfezionare l’importazione del prodotto esibendo fatture di acquisto con valori inferiori a quelli, già di per sé competitivi, ottenuti dai due russi, così ottenendo il duplice vantaggio, da un lato, di corrispondere un dazio sensibilmente ridotto e, dall’altro, grazie alla qualifica usurpata, di poter compensare l’IVA con inesistenti crediti d’imposta. La frode, oltre che all’importazione, si è poi ulteriormente ramificata nelle cessioni nazionali, interponendo tra le aziende che avevano acquistato e importato il prodotto e i reali acquirenti finali, una serie di società filtro, intestate a prestanome, funzionali al solo azzeramento del debito fiscale.

Accogliendo le richieste del Pubblico Ministero, che, a sua volta, aveva condiviso le proposte degli investigatori, il Giudice per le Indagini Preliminari, ha disposto, a carico di C.N.M., dominus del disegno criminale, la misura cautelare degli arresti domiciliari, ed, a carico dei due russi, B.A. e N.S., l’interdizione dall’esercizio d’impresa per un anno. Per ristorare l’Erario del danno subito, ha altresì ordinato il sequestro per equivalente di valori e beni nella disponibilità di tutti i soggetti attivi nella frode per un ammontare di 3,5 milioni di euro.

Il pellet sequestrato, sia nelle perquisizioni eseguite a giugno 2017 che nei controlli negli spazi doganali, pari a oltre 750.000 chili, verrà devoluto a organizzazioni umanitarie per l’impiego a favore delle popolazioni colpite da calamità naturali.

Commenti (0)
Comment