Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Presentato al Revoltella

Società
15 marzo 2019

Trieste, nuovo sito istituzionale per il Comune

di redazione (fonte Comune di Trieste)
A 23 anni di distanza dal primo portale, è on line l'ultima versione: ecco le caratteristiche principali
CONDIVIDI
28792
(ph. Comune di Trieste)
Società
15 marzo 2019 di redazione (fonte Comune di Trieste)

Presentato il nuovo portale web del Comune di Trieste realizzato grazie alla collaborazione con la Regione Autonoma FVG, Insiel SpA e TCD-TriesteCittàDigitale e con l’ordine dei Giornalisti del Friuli Venezia Giulia per il momento formativo.

La presentazione all’interno dell’Auditorium del Museo Revoltella, moderata da Vittorio Sgueglia della Marra, Capo di Gabinetto del Comune, è avvenuta a distanza di 23 anni dall’attivazione del primo sito istituzionale del capoluogo giuliano. È stata l’occasione per illustrare il cambiamento nella gestione della comunicazione istituzionale sul web rivolta alla cittadinanza.

“È stato fatto un ottimo lavoro per la realizzazione di questo nuovo portale che vuole offrire sempre più servizi ai cittadini i quali devono essere il più possibile coinvolti e facilitati nell’acquisire dati e informazioni utili. Grazie a tutti coloro che hanno collaborato attivamente per ottenere questo risultato”, ha commentato il sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza introducendo l’incontro.

La presentazione, avvenuta a distanza di 23 anni dall’attivazione del primo sito istituzionale del capoluogo giuliano, è stata l’occasione per illustrare il cambiamento nella gestione della comunicazione istituzionale sul web rivolta alla cittadinanza.

“Dopo 23 anni – ha sottolineato l’assessore comunale alla Comunicazione e Innovazione Serena Tonel – cambia l’aspetto e l’ossatura del sito del Comune ma non cambia lo spirito di innovazione necessario per fornire centinaia di servizi sempre più efficaci ai cittadini, grazie all’intenso lavoro di un anno di molte persone: credo siamo riusciti a produrre un eccellente risultato”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Trieste oggi – ha affermato l’assessore regionale ai Servizi Informativi Sebastiano Callari – è nelle cronache la città digitale d’eccellenza. La Regione vuole supportare e credere che al centro del sito istituzionale ci siano il cittadino e le attività produttive regionali”.

“Ogni ente pubblico ha il dovere di essere trasparente con il cittadino. Rendere il sito più accessibile e fruibile è l’obiettivo primario e un obbligo nei confronti del cittadino che vuole conoscere tutto in modo semplice e innovativo”, ha commentato l’assessore regionale alle Autonomie Locali Pierpaolo Roberti.

Il presidente di Insiel S.p.A., Simone Puksic, ha parlato del nuovo sito come “Esempio di buona amministrazione per migliorare l’offerta di servizi ai cittadini quando si lavora tutti assieme. Un progetto complessivamente molto importante per l’azienda che prevede di trasformare completamente il modo di rapportarsi”.

“La comunicazione – ha rilevato il presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Friuli Venezia Giulia, Cristiano Degano – sta cambiando anche grazie all’acquisizione di informazioni via internet e di questo ne risentono anche le vendite dei giornali. Resta comunque sempre importante la figura del giornalista che ha tra i suoi compiti primari quello di verificare la veridicità dei fatti. Ricordando poi, per quanto riguarda lo specifico dell’informazione istituzionale, la necessità di attualizzare la Legge 150, nonché l’auspicio di un esito favorevole del contenzioso in atto presso la Corte Costituzionale per l’applicazione del contratto di categoria ai giornalisti degli uffici stampa delle Amministrazioni del Comparto Unico del Friuli Venezia Giulia”.

“In questi 23 anni – ha analizzato Lorenzo Bandelli, direttore  del Dipartimento Innovazione e Servizi del Comune di Trieste – sono state tantissime le domande protocollate automaticamente, 2.531 per i servizi educativi e 1.218 per l’edilizia, solo per fare qualche esempio. Oggi c’è un nuovo modo di gestire i contenuti grazie ai master data. Sono stati aggregati i contenuti attraverso pagine categorizzate per le informazioni all’utente che potrà scegliere ciò di cui vorrà usufruire. Stiamo lavorando a un dizionario dei procedimenti da esportare anche presso altri enti locali”.

“Il nuovo sito – è entrato nel dettaglio Giuseppe Taranto, della Divisione Demand di Insiel – è stato ideato per adattarsi ai dispositivi utilizzati dal cittadino/utente che è maggiormente orientato verso l’uso “mobile” ed è completamente ‘socializzato’ a un livello alto. Partendo da questa premessa, abbiamo voluto mettere in primo piano “cosa stai cercando?” per agevolare al massimo il cittadino alla ricerca di informazioni erogando servizi online in primo piano, grazie anche ai profili “spid”, ad esempio per far accedere il contribuente ai procedimenti individuali per le imposte, senza fare le file agli sportelli, l’“Amministrazione Trasparente” al centro, “Trieste Informa” con Twitter, Facebook e Instagram e i comunicati stampa, l’“Agenda Cultura”, il Turismo... Il tutto a portata di click”.

Commenti (0)
Comment